Euro 2016, CR7 batte Bale, Galles steso 2-0 e Portogallo in finale 12 anni dopo

2016-07-06T205404Z_110840044_MT1ACI14472124_RTRMADP_3_SOCCER-EURO-POR-WAL-kF8D-U108011299243441-640x474@LaStampa.it

Lione – Lo si attendeva da settimane ormai, ma di lui si era parlato di più per i bisticci con i giornalisti che non per le azioni in campo. Alla fine però CR7 ha risposto alla sua maniera, prima sbloccando di testa il match, poi propiziando il raddoppio di Nani. Il Portogallo vola così in finale di Euro 2016 grazie al suo fenomeno, mentre nulla da fare per il Galles di Bale, fermato ad un passo da uno storico traguardo.

epa05411466 Gareth Bale (L) of Wales takes a shot during the UEFA EURO 2016 semi final match between Portugal and Wales at Stade de Lyon in Lyon, France, 06 July 2016. (RESTRICTIONS APPLY: For editorial news reporting purposes only. Not used for commercial or marketing purposes without prior written approval of UEFA. Images must appear as still images and must not emulate match action video footage. Photographs published in online publications (whether via the Internet or otherwise) shall have an interval of at least 20 seconds between the posting.) EPA/ABEDIN TAHERKENAREH EDITORIAL USE ONLY

UN PRIMO TEMPO A SPRAZZI POI CI PENSA RONALDO – Quando un gol può valere il passaggio del turno spesso il gioco ne risente, non ha fatto eccezzione a questa regola il primo tempo di Portogallo-Galles, prima semifinale di Euro 2016. Nel primo tempo c’è poco da annotare se non qualche fiammata firmata Bale: prima su schema da calcio d’angolo il gallese spara di poco a lato, poi in contropiede per poco non segna un gol da favola, ma il bolide finale è troppo centrale per impensierire Rui Patricio.

68UZVDBZ-kF8D-U10801129924344mdE-640x453@LaStampa.itIl secondo tempo invece si sblocca dopo qualche giro d’orologio. A segnare ci pensa lui, il fenomeno portoghese, Cristiano Ronaldo, che finora aveva giocato una sola partita ai suoi livelli, non andando oltre un risicato pareggio contro l’Ungheria. Il gol di CR7 arriva sugli sviluppi di un ottimo cross di Guerreiro, il duello aereo tra il 7 e il gallese Chester lo stravince il lusitano e il gol è una sentenza. Bale e compagni accusano e neanche 5′ dopo arriva il colpo del ko, firmato da Nani, trovatosi nel posto e momento giusto per deviare un tiro di Ronaldo quel tanto che basta per battere Hennessey: 2-0 e addio Europeo per la squadra allenata da Coleman.

12 ANNI DOPO – Sono passati 12 anni da quando un’impronosticata Grecia vinse la finale degli Europei, condannando i lusitani alla sconfitta in casa loro. Ora il Portogallo ha nuovamente la possibilità di giocarsi il massimo titolo continentale per nazionali contro una tra Germania e Francia. I rosso-verdi hanno fatto vedere di non essere “solo CR7” e si sono dimostrati all’altezza delle sfide che fino a questo momento la sorte, benevola, ha posto loro di fronte. In finale la musica sarà diversa, ma una finale è sempre una finale e, siamo sicuri, non mancheranno le sorprese.

IL TABELLINO DI PORTOGALLO GALLES 2-0 (0-0 dopo primo tempo)

MARCATORI Ronaldo al 5′, Nani all’8′ s.t.
PORTOGALLO (4-3-1-2): Rui Patricio; Cedric, Alves, Pepe, Guerreiro; Sanches (dal 29’ s.t. Gomes), Danilo Joao Mario; Silva (dal 34’ s.t. Moutinho); Nani (dal 41’ s.t. Quaresma), Ronaldo. (Lopes, Eduardo, R. Carvalho, Vieirinha, Eliseu, Eder).
All.: Santos.
GALLES (3-4-2-1): Hennessey; Chester, Collins (dal 21’ s.t. J. Williams), A. Williams; Gunter, Allen, Ledley (dal 13’ s.t. Vokes), N. Taylor; King, Bale; Robson-Kanu (dal 18’ s.t. Church). (O.F. Williams, Ward, Edwards, Cotterill, Richards, Vaughan, G. Williams).
All.: Coleman.
ARBITRO Eriksson (Svezia)
AMMONITI – Allen (G), Chester (G), Ronaldo (P), Bale (G), Bruno Alves (P);

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *