Euro 2016, Francia vs Germania, scontro tra titani‏

7774854012_le-stade-velodrome-vu-de-l-interieur-le-8-octobre-2014

7774854012_le-stade-velodrome-vu-de-l-interieur-le-8-octobre-2014

La definizione di finale anticipa, spesso abusata, sembra calzare a pennello per la sfida che questa sera vedrà di fronte la Francia padrona di casa contro la Germania Campione del Mondo in carica. Lo Stadio Velodrome di Marsiglia sarà teatro di un match tra due super potenze del calcio continentale.


IL PERCORSO DI FRANCIA E GERMANIA
sport_focus_imagea7982a6bd368919e41de507a783a58a9– La squadra guidata da Didier Deschamps, dopo aver sofferto non poco contro l’Irlanda, piegata 2-1 in rimonta negli ottavi di finale, ha strapazzato la rivelazione del torneo Islanda con un pirotecnico 5-2. Per i Blues e’ finalmente giunta l’ora di confrontarsi con uno dei pesi massimi della competizione.

Situazione diametralmente opposta per la Germania che dopo la perentoria vittoria contro la Slovacchia (3-0) ha affrontato una vera e propria battaglia contro l’Italia, avendo la meglio soltanto ai rigori.

Situazione di emergenza per i tedeschi che tra infortuni e squalifiche dovranno fare a meno di tre pezzi da novanta come Hummels, Mario Gomez e Khedira (torneo finito per gli ultimi due). Incerta la presenza di Schweinsteiger alle prese con noie muscolari.

2389177_w1La squadra di Joachim Löw, seppur provata fisicamente dopo l’estenuante sfida dei quarti contro gli Azzurri, ha dalla sua parte la tradizione (sesta semifinale consecutiva negli ultimi 6 tornei tra Europei e Mondiali) e la qualità.

Muller e soci, pur non avendo ancora raggiunto il livello di gioco visto durante i Mondiali in Brasile, sono dotati di una eccellente organizzazione tattica, oltre ad una notevole forza fisica abbinata a qualità tecniche di prim’ordine. Senza dimenticare la difesa granitica con un solo gol concesso finora in tutto il torneo (il rigore di Bonucci).

ANALISI DEL MATCH – Nei 4 precedenti in partite ufficiali, il bilancio e’ nettamente in favore della Germania (3-1), con i transalpini incapaci di imporsi dal lontano 1958, ma i Galletti hanno dalla loro una eccellente tradizione nei tornei disputati tra le mura amiche grazie alla vittoria negli Europei del 1984 e alla Coppa del Mondo del 1998. L’ultimo confronto ufficiale risale a quarti dei Mondiali brasiliani ed a spuntarla furono i tedeschi grazie alla rete di Hummels, ma in occasione dell’amichevole dello scorso 13 novembre, Pogba e soci s’imposero per 2-0.

A livello tattico sarà interessante osservare come la macchina da gol francese (11 reti realizzate) si schiererà contro il muro tedesco. Per provare a scardinare la retroguardia  tedesca serviranno i siluri di Payet e la vena realizzativa della premiata ditta Giroud&Griezmann, mentre la rimaneggiata Germania dovrà gioco forza puntare sul collettivo, sperando magari in un acuto di Muller, finora mai a segno agli Europei, o dell’eroe della finale Mondiale Mario Gotze che stasera potrebbe finalmente partire titolare agendo da falso nueve. Pronostico difficile ma a noi piace rischiare e diciamo 2-1 per la Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *