La Juventus passa a Palermo,ma che fatica

Juventus defender Dani Alves, second right, jubilates with his teammates after scoring the lead during the Italian Serie A soccer match US Palermo vs Juventus FC at Renzo Barbera stadium in Palermo, Italy, 24 September 2016. ANSA/CORRADO LANNINO

I bianconeri,nonostante una prestazione decisamente sottotono,riescono a ottenere 3 punti in casa di un ottimo Palermo che ha dimostrato di potersi giocare tranquillamente la salvezza. Non emergono segnali positivi per la Juventus, squadra sfilacciata, con evidenti problemi a centrocampo e senza idee, elementi deleteri per Higuain e Mandzukic,per la prima volta insieme dal primo minuto, che vedono arrivare pochi palloni in avanti. In attesa del rientro di Marchisio,Allegri dovrà fare a meno anche di Asamoah e Rugani,entrambi costretti ad abbandonare il campo a causa di un infortunio muscolare.

Primo tempo:
La prima occasione arriva già al 1′ minuto di gioco con Higuain che,servito da Pjanic, calcia in porta col destro sorvolando di poco la traversa. Nervi tesi fin dall’inizio,sono ben 6 i giocatori ammoniti durante la prima mezz’ora di gioco a causa di falli tattici o reazioni scorrette dai parte dei giocatori. I padroni di casa si sistemano bene in campo e impediscono ai bianconeri di dare fluidità alla loro manovra,caratterizzata da una lunga serie di passaggi che troppo poco spesso riescono ad arrivare ai due attaccanti.Alla mezz’ora Rugani è costretto ad abbandonare il campo per un problema muscolare,al suo posto entra Cuadrado. Al 33′ la Juventus si rende nuovamente pericolosa con un contropiede condotto da Higuain e sprecato da Lemina,il quale calcia in porta invece di servire Mandzukic e Cuadrado che erano pronti a insaccare a porta sguarnita. Il Palermo,nonostante il possesso palla dei bianconeri,non perde la testa,difende e riesce ad impostare una manovra ordinata e fluida che però non riesce a impensierire il numero uno bianconero a causa della buona guardia fatta dalla difesa juventina.

Secondo tempo:
Dopo 4 minuti si sblocca il risultato,dopo un’azione prolungata Dani Alves lascia partire un gran destro dalla distanza, Goldaniga devia di tacco e spiazza Posavec. I bianconeri continuano a far muovere il pallone aspettando che il Palermo esca dalla propria trequarti e al 72′ viene annullato un gol a Mandzukic che in scivolata aveva messo in rete il pallone calciato su punizione da Dani Alves. Nell’ultimo quarto d’ora di gioco il Palermo alza il suo baricentro e mette in seria difficoltà i bianconeri,costretti a difendersi e a respingere le continue avanzate dei padroni di casa. All’89’ i bianconeri restano in 10,Asamoah si fa male e Allegri non ha più cambi a disposizione.La difesa si dimostra l’unico reparto funzionante e riesce a chiudersi e a neutralizzare l’assedio dei rosanero.

La Juventus ottiene così 3 punti che le consentono di rimanere in testa alla classifica a quota 15. Allegri ha però parecchio da lavorare,il gioco latita e il centrocampo non sembra funzionare come dovrebbe:  Pjanic non gira, Lemina è bravo a spezzare il gioco ma non riesce a smistare come si deve il pallone e alla lista degli indisponibili ora si è aggiunto anche Asamoah. Il Palermo,invece, con questa buona prestazione scaccia le critiche ricevuta in questo avvio di stagione, inoltre può puntare sui giovani presenti in squadra e sull’esperienza di un giocatore come Diamanti.

Migliore in campo Sportmain-Dani Aves: Tra i bianconeri è quello che corre di più e che serve più palloni. E’ grazie alla sua iniziativa che i bianconeri riescono a portarsi in vantaggio e a vincere una gara abbastanza complicata.

Tabellino:
Ammoniti Bonucci (J), Goldaniga (P), Mandzukic (J), Gonzalez (P), Dani Alves (J), Aleesami (P)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *