Mai smettere di sognare

Fonte: zimbio.com

E’ vero la batosta allo Juventus Stadium è stata grossa, ma 9 risultati utili positivi consecutivi (con un solo pareggio e tutte vittorie) vogliono dire qualcosa, molto. Quello che oggi l’Atalanta dimostra è di avere un buon gioco, una buona mentalità e la possibilità di togliersi molto soddisfazioni in questa stagione.
L’arrivo del nuovo allenatore evidentemente ha mosso qualcosa, questa è una squadra rigenerata che però ora deve tirare fuori quel qualcosa in più. Arrivare “bene” alla sosta natalizia significherebbe continuare a lavorare in modo rilassato e, visti i risultati fino ad oggi, proficuo. Ma non vuol dire che poi tutto andrà bene, basta ricordarsi la scorsa stagione con l’Inter prima fino all’ultima giornata del girone di andata e poi qualificata “solo” all’Europa League (ok se siete atalantini e stata leggendo potete lasciarvi andare a qualche gesto scaramantico, ma giuro che il mio intento non era la gufata).

La ripresa dopo le feste è sempre pesante, e non solo per pranzi e cene ancora da digerire, ma perché spesso è la concentrazione che viene a mancare. E l’Atalanta è apparsa fino ad ora una delle squadre più concentrate, se non la più concentrata. Insomma una sconfitta in casa della Juventus, per quanto pesante possa essere, la si può mettere in conto. Ma è adesso che gli uomini d Gasperini devono dimostrare di sapersi lasciare le delusioni alle spalle e di saper ripartire, sempre.
Se riusciranno a farlo già domenica contro l’Udinese sarà un segnale forte per loro stessi e per gli avversari.
Certo è che squadra, società e soprattutto tifosi non possono e non devono smettere di sognare perché questa volta i presupposti e le possibilità per fare bene ci sono tutte e poi in un periodo “magico per eccellenza” perché “smettere di sognare?”

LE “PICCOLE” IN CODA – Tre squadre con una sola vittoria: Pescara (con 2 punti in più in virtù di 2 pareggi in più), Crotone e Palermo (con quest’ultimo che riporta una peggior differenza reti segnate-subite). Una stagione mai decollata per queste tre compagini, due delle quali neo promosse, che non riescono a dare veri segnali di ripresa. Difficile pensare che il nuovo anno porti grandi cambiamenti, ma chissà, sotto l’albero tutti possono trovare i doni che desiderano e allora perché “smettere di sognare?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *