La Lazio vince e aggancia il Napoli al terzo posto: 3-1 alla Fiorentina

Lazio's Keita Balde Diao, left, celebrates with his teammate Danilo Cataldi, right, after scoring the 1-0 goal during the Serie A soccer match between SS Lazio and ACF Fiorentina at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 18 December 2016. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

All’Olimpico decidono Keità, Biglia e Radu. Per la Viola, inutile il goal di Zarate, mentre Ilicic si fa ipnotizzare da Marchetti.

ROMA – Ormai il derby è acqua passata. La Lazio conquista la seconda vittoria di fila, dopo quella a Marassi contro la Sampdoria. Gli uomini di Inzaghi hanno travolto la Fiorentina, con un pressing asfissiante che ha schiacciato gli avversari. Ritorna al goal Keità, dopo più di un mese, mentre Biglia è tornato ai suoi livelli, dopo il grave infortunio. Nella Fiorentina delude soprattutto Ilicic, ormai controfigura del giocatore ammirato l’anno scorso. Dovrà subito provare a recuperare la forma fisica e mentale, perchè i gigliati hanno un disperato bisogno di lui.

LE FORMAZIONI – Inzaghi riconferma Savic e Anderson alle spalle di Immobile, dopo l’ottima prova a Genoa. Sousa è costretto a fare a meno di due pilastri come Valero e Rodriguez. Al loro posto ci sono De Maio e Vecino.

LA PARTITA – Parte subito fortissimo, la Lazio, con Bastos che al nono impegna Tatarusanu. I ritmi sono alti, al diciassettesimo Keità viene murato da Astori. Al ventiduesimo Immobile sfiora il goal con una conclusione, che però finisce alta sopra la traversa. Un minuto dopo però la Lazio passa, con Keità che viene servito da Savic: il diagonale del giocatore spagnolo finisce in rete. Al quarantesimo Bernardeschi prova a impensierire Marchetti con un colpo di testa, ma invano.  Al quarantottesimo, uno scatenato Savic, viene atterrato in area da Tomovic. Sul dischetto va Biglia che non sbaglia e sigla il doppio vantaggio biancoceleste.

download-1

La ripresa inizia subito con un penalty in favore della Viola: Cristòforo viene atterrato da Biglia e l’arbitro assegna la massima punizione. Ilicic però si fa ipnotizzare da Marchetti e spreca una grandissima opportunità per accorciare le distanze. Al sessantaquattresimo la Viola accorcia con Zarate che insacca a porta sguarnita. Al novantesimo la chiude Radu in contropiede con un diagonale che supera Tatarusanu. La Lazio raggiunge così il Napoli al terzo posto, mentre i Viola rimangono ottavi.

IL MIGLIORE : MILINKOVIC-SAVIC Sergej: Gode di un’ottima forma. Mette in difficoltà costante la retroguardia Viola. Suo l’assist per il goal di Keità e conquista anche il rigore del 2-0. Prezioso.

IL TABELLINO

LAZIO – FIORENTINA 3-1 (2-0)

Marcatori: 23′ Keità (L), 48′ Biglia (L), 64′ Zarate (F), 90′ Radu (L).

Lazio (3-5-2): Marchetti; Bastos, de Vrij, Radu; Felipe Anderson (77’ Wallace), Cataldi (85’ Murgia), Biglia, Milinkovic-Savic, Lulic; Immobile, Keita (68’ Kishna). All. Inzaghi

Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu; Tomovic (46’ Cristoforo), De Maio, Astori, Olivera; Sanchez, Vecino; Tello (80’ Chiesa), Ilicic (59’ Zarate), Bernardeschi; Kalinic. All. Paulo Sousa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *