La Juve cala il poker: 4-1 contro il Palermo con un super Dybala

e78f3baace75f08bddf340a7fd25099e-kf6B-U11001352537725LXC-1024x576@LaStampa.it

Nell’anticipo del venerdì sera si sfidano Juventus e Palermo, gara valida per la XXV giornata di Serie A.

Allegri cambia alcuni giocatori in vista della trasferta di Champions League di mercoledì sera contro il Porto, e schiera un 4-2-3-1 con Benatia centrale di difesa,Marchisio Khedira e Sturaro a centrocampo e il tridente d’attacco formato da Pjaca, Dybala dietro a Higuain; Lopez schiera un 4-3-3 con il tridente d’attacco composto da Balogh, Nestorovski e Trajkovski.

Nella prima fase di partita gioca meglio la Juventus, che al 5′ colpisce il palo su una punizione di Dybala.

3fc7ec5cdc24006495833c2b1dd2517e-kf6B-U110013525377250yH-680x462@LaStampa.itAl 13′ la squadra di Allegri è già in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio di punizione il tiro di Higuain viene respinto da Posavec, Marchisio è bravo ad avventarsi sulla ribattuta e a mettere la palla in rete a porta vuota.

Il Palermo prova a reagire ma non riesce a rendersi pericoloso ed è costretto per lo più a un possesso palla sterile, l’unico lampo è di Nestorovsi che tira da buona posizione ma Buffon respinge in calcio d’angolo.

La Juventus ricomincia a spingere soprattutto sulle fasce, Pjaca è una spina nel fianco della difesa rosanero: il croat arriva spesso al limite dell’area e si rende pericoloso senza però trovare il gol.

Verso la metà del primo tempo la Juventus spinge con costanza, Dybala e Pjaca si alzano e vanno all’altezza di Higuain formando un 4-3-3.

Il Palermo compie un possesso palla prolungato ma non riesce a creare molte azioni offensive, mentre la Juventus si limita ad aspettare il momento giusto per ripartire.

Al 27′ i rosanero riescono a ripartire e arrivano al tiro con Sallai che però spara alto.

Dieci minuti più tardi Asamoah è bravo ad anticipare Balogh in area di rigore togliendogli in tempo del tiro.

FM7ZZ7Q5-kf6B-U11001352537725uUH-680x453@LaStampa.itLa Juventus ricomincia a spingere e al 40′ trova il gol del raddoppio con una magnifica punizione mancina a giro dell’ex Dybala che scavalca la barriera e batte Posavec sul primo palo.

I bianconeri rimangono in attacco fino alla fine del primo tempo ma si va negli spogliatoi sul punteggio di 2-0.

Allegri compie un po’ di turn-over pensando alla partita di mercoledì contro il Porto e inserisce Lemina al posto di Khedira nella ripresa.

Cambi tattici anche nel Palermo che con l’ingresso di Sunic per Jajalo passa al 3-4-3 (che si trasforma in un 4-5-1 quando difende).

Nella prima parte del secondo tempo ci sono molti errori di impostazione da entrambe le parti, mentre Allegri vorrebbe che i suoi giocatori gestiscano la partita senza rischiare.

Al 63′ c’è un lampo della Juventus: Dybala si fa vedere tra le linee e trova un assist perfetto per Higuain che parte sul filo del fuorigioco e batte Posavec con uno scavetto, palo-gol e 3-0 per i bianconeri.

Y0NHYPII-kf6B-U110013525377251oD-680x453@LaStampa.itA questo punto la Juventus, col risultato in cassaforte, inizia a compiere un giropalla per amministrare la partita, il Palermo invece fatica molto a ripartire e si affida prevalentemente ai lanci lunghi, molte volte non prova neanche a recuperare il possesso palla per non scoprirsi troppo.

Al 77′ c’è un brutto scontro tra Goldaniga e Posavec, il portiere rosanero si accascia a terra ma riesce a recuperare dopo alcuni minuti.

Diego Lopez prova a scuotere la sua squadra e inserisce Diamanti al posto di Balogh; il centrocampista italiano entra bene in partita e all’85’ compie un lancio perfetto per Nestorovski che stoppa in area e tira in girata ma l’arbitro ferma il gioco per un presunto fallo di mano dell’attaccante macedone.

All’89’ Goldaniga stoppa male un pallone da un lancio all’indietro, Higuain pressa e ruba palla poi si invola verso la porta e al limite dell’area scarica di tacco su Dybala che buca Posavec con un tiro rasoterra sul primo palo: 4-0 per la Juventus.

Nel finale il Palermo si riversa in attacco cercando disperatamente il gol della bandiera, e al 93′ un cross di Diamanti trova la testa di Chochev in area di rigore che batte Buffon con un colpo di testa sotto la traversa.

Dopo 4′ di recupero la partita finisce con la vittoria netta della Juventus per 4-1.

Grande prova di forza per la squadra di Allegri che con la XXIX vittoria casalinga si porta temporaneamente a +10 sulla Roma e riceve una grande iniezione di fiducia per la partita contro il Porto; sempre più critica invece la situazione del Palermo, terzultimo a 14 punti.

 

SHANGHAI, CHINA - AUGUST 08:  Paulo Dybala of Juventus FC in celebrates a goal during the Italian Super Cup final football match between Juventus and Lazio at Shanghai Stadium on August 8, 2015 in Shanghai, China.  (Photo by Lintao Zhang/Getty Images)

MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: DYBALA: l’attaccante argentino segna due gol di cui uno bellissimo su punizione e regala un assist perfetto a Higuain; Allegri non può fare a meno di lui, e adesso sembra aver ritrovato la forma ideale dopo l’infortunio che l’ha tenuto fuori 80 giorni.

 

 

 

 

Tabellino

JUVENTUS – PALERMO 4-1

JUVENTUS (4-3-2-1): Buffon, Asamoah, Benatia, Bonucci, Dani Alves, Marchisio (75′ Rincon), Khedira (46′ Lemina), Sturaro (70′ Cuadrado), Pjaca, Dybala, Higuain.

A disposizione: Neto, Audero, Lichtsteiner, Rugani, Alex Sandro, Pjanic, Kean.

Allenatore: Allegri.

PALERMO (4-3-3): Posavec, Rispoli, Goldaniga, Andjelkovic, Aleesami, Bruno Henrique, Jajalo (52′ Sunjic), Chochev, Sallai (70′ Embalo), Nestorovski, Balogh (81′ Diamanti).

Allenatore: Lopez.

A disposizione: Marson, Breza, Vitiello, Morganella, Cionek, Gazzi.

MARCATORI: 13′ Marchisio, 40′, 63′ Dybala, 89′ Higuain, 93′ Chochev.

ARBITRO: Di Bello

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *