Impressioni sul Toro dopo il Palermo: in ripresa, ma se si ferma Belotti è perduto

Andrea Belotti, attaccante del Torino

TORINO – Il Toro ha rischiato grosso con il Palermo, ma alla fine ha ritrovato il sorriso e vinto con merito; è però un merito che è quasi tutto di un Belotti superlativo, autore di una tripletta che lo porta alla stratosferica quota di 22 reti in campionato. I ragazzi di Mihajlovic si portano così a 39 punti, mentre quelli di Lopez restano a 15.

IL BORSINO GRANATA: LA DIFESA – La retroguardia granata non è stata molto impegnata contro i rosanero, eppure al primo affondo ha preso gol e stava rischiando la grande beffa. Le distrazioni continuano a caratterizzare il reparto difensivo, nonostante Hart faccia sempre buona guardia. Il ritorno di Castan, che sembra sempre imminente, alla fine non arriva mai; il brasiliano potrebbe ridare un po’ di sicurezza ad un reparto ancora alla ricerca di un suo equilibrio.

IL BORSINO GRANATA: IL CENTROCAMPO – Contro il Palermo mancavano Benassi e Valdifiori, così Mihajlovic ha dato spazio a Lukic e Gustafsson: discretamente convincente il serbo, mentre lo svedese è partito bene per poi eclissarsi alla distanza. Avrà tempo e modo per rifarsi…Nel frattempo Baselli è senza lode e senza infamia: ancora non arriva quel salto di qualità che tutti si aspettano.

IL BORSINO GRANATA: L’ATTACCO – Di Belotti si è già detto: è più che mai il Toro in questo momento, nonché l’attaccante più forte del nostro Paese. Senza di lui i granata sono ben poca cosa, nonostante Ljajic e Falque abbiano dato sensazioni positive dopo un periodo di appannamento. Chi invece non convince ancora è Boyè: l’argentino non riesce ad incidere, nemmeno con una difesa non certo imperforabile come quella rosanero.

IL RESTO DEL TORO: IL PUNTO SULLE SQUADRE GIOVANILI – La Primavera del Toro, dopo l’ennesima delusione nel derby, ritrova il sorriso vincendo in trasferta con il Sassuolo (0-1): ora i granata sono quarti, a due punti dalla seconda. Vittoriosi anche i Berretti: 2-5 in casa del Lumezzane e terzo posto nel girone (anche se ad 8 punti dal Como e a 13 dall’Inter). Battuta d’arresto invece per l’Under 17, che perde 2-1 in casa del Virtus Entella e scivola al quarto posto nel girone. Sconfitta anche per l’Under 16: 1-2 in caso col Sassuolo e quinto posto nel girone agganciati dalla Juventus. 2-2 infine per l’Under 15, che è ottava e praticamente fuori dalla corsa ai play off.

Torino-Palermo 3-1
TORINO (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Moretti, Barreca; Gustafson (15′ st Maxi Lopez), Lukic, Baselli; Falque (27′ st Iturbe), Belotti, Boyé (1′ st Ljajic). A disposizione: Padelli, Cucchietti, Ajeti, De Silvestri, Molinaro, Valdifiori, Acquah, Remacle. Allenatore: Mihajlovic.
PALERMO (4-2-3-1): Posavec; Rispoli (9′ st Morganella), Cionek (40′ st Diamanti), Andelkovic, Aleesami; Gazzi, Chochev; Sallai (19′ st Gonzalez), Henrique, Balogh; Nestorovski. A disposizione: Marson, Fulignati, Goldaniga, Sunjic, Vietiello, Lo Faso, Jajalo, Trajkovski, Embalo. Allenatore: Lopez.
Marcatori: 30′ pt Rispoli (P), 29′ st, 31′ st e 36′ st Belotti (T).
Note: Espulso al 33′ st Balogh (P) per doppia ammonizione. Ammoniti Rispoli (P), Sallai (P). Angoli: 10-1 per il Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *