Samsung Gear Volley Cup, ventesima giornata: Conegliano la spunta al tie-break e vince la regular season, bene Casalmaggiore, Novara e Modena. Montichiari condanna il Club Italia alla retrocessione.

Si aggiudica ufficialmente la regular season l’Imoco Conegliano che vince al tie-break sul campo di una combattiva Busto Arsizio. Casalmaggiore batte Bergamo e conserva il secondo posto, Novara supera al tie-break Scandicci e consolida la terza piazza. Ottima prova di Modena che si impone contro Firenze ed approda al sesto posto. Bene Bolzano sul campo di Monza, mentre Montichiari condanna il Club Italia alla retrocessione e riapre la corsa salvezza.

20 modena
Modena festeggia il successo pieno conquistato contro Firenze

TERZA – Dà seguito al buon momento di forma la Liu Jo Nordmeccanica Modena che, dopo aver disputato la finale di Coppa Italia, conquista il terzo successo consecutivo in campionato superando l’ostico Il Bisonte Firenze in tre set e sale al sesto posto in classifica. Gaspari si presenta in campo con Ferretti-Brakocevic, Belien-Garzaro, Bosetti-Ozsoy e Leonardi; Bracci risponde con il sestetto tipo Bechis-Sorokaite, Calloni-Melandri, Bayramova-Enright e Parrocchiale.

L’avvio di gara è ad appannaggio delle toscane che volano sul 3-7 con due attacchi di Bayramova, Firenze è però molto fallosa e con il sesto errore di squadra regala il vantaggio a Modena per l’8-7. La Liu Jo ringrazia ed è Ozsoy con due conclusioni consecutive a firmare il 12-10, Bosetti dalla seconda e per due volte Brakocevic conquistano il massimo vantaggio sul 17-11, Enright prova a cambiare l’inerzia del set, ma il primo tempo di Garzaro, le conclusioni di Brakocevic e Bosetti ed il muro di Belien su Sorokaite incrementano il divario fino al 23-15. Firenze annulla tre set point ma nulla può sull’attacco finale di Brakocevic che vale il 25-18.

In avvio di secondo parziale è Modena ad essere fallosa e Firenze scappa sul 4-7, Bayramova trova il 6-10, ma Belien non ci sta, due muri ed un attacco vincente permettono a Modena l’aggancio sul 12-12, a questo punto la Liu Jo prende tre punti di vantaggio grazie all’attacco di Bosetti per il 16-13, è Enright che tiene in partita le ospiti con due conclusioni che valgono il 19-18, Bosetti va a segno per il 20-18 ed arriva puntuale il contro break de Il Bisonte con la seconda linea di Sorokaite, il muro di Bechis su Bosetti ed un fallo di Modena. Nel momento di difficoltà le emiliane riescono a ribaltare il set con attacco ed ace di Brakocevic per il sorpasso, la pipe di Ozsoy ed il terzo muro nel set di Belien che valgono il 24-21. Melandri mura Brakocevic, ma è ancora Ozsoy a far la voce grossa e a chiudere sul 25-22.

Il terzo è il set più equilibrato in avvio fino all’8-8, poi le attaccanti di palla alta delle padrone di casa creano il break e Modena vola 14-9. Bayramova ed Enright riportano sotto Firenze sul 14-12. Ed è ancora una bordata di Brakocevic a sbloccare il punteggio, arriva quindi la tripletta di Bayramova per il 19-19. Ozsoy va a segno per il 20-19, Melandri e Sorokaite tengono in vita le toscane, l’attacco di Brakocevic vale il 22-21, Sorokaite realizza l’aggancio e questo sarà l’ultimo punto de Il Bisonte; la pipe di Ozsoy, l’errore di Firenze e l’ace dell’mvp Brakocevic sugellano la netta affermazione modenese. L’opposta serba è la miglior realizzatrice della partita con 18 punti, a quota 12 chiude Ozosy. Alle ospiti non bastano i 16 di Sorokaite.

ACCIACCHI – E’ un periodo complicato sia per la Foppapedretti Bergamo che per la Pomì Casalmaggiore, entrambe prive delle loro opposte titolari Skowronska (out da gennaio e fuori per il resto della stagione) e Fabris, operata al ginocchio destro la settimana scorsa e ferma per almeno un mese. Alla fine la spunta Casalmaggiore che ritrova il sorriso dopo due sconfitte consecutive, mentre la Foppa, priva oggi anche di Popovic e Partenio, ottimamente sostituita dalla classe 2001 Battista, è costretta ad alzare bandiera bianca in quattro set. Alle padrone di casa non basta la prova impeccabile di Sylla a referto in 24 occasioni con il 48% offensivo ed il 51% di ricezione perfetta e della giovane Battista 16 punti ed il 44% in attacco, all’esordio in serie A1. Per Casalmaggiore fa la voce grosse Guerra che per 21 volte supera la difesa orobica con il 56% in attacco ed il 59% in ricezione, bene Stevanovic con 13 punti ed il 53%.

BARUN-SUSNJAR KATARINA IMOCO VOLLEY CONEGLIANO - IGOR GORGONZOLA NOVARA PALLAVOLO SEMIFINALE COPPA ITALIA VOLLEY A1-F 2016-2017 FIRENZE 04-03-2017 FOTO FILIPPO RUBIN / LVF
Katarina Barun in azione, l’opposta croata decisiva per la vittoria di Novara sul campo di Scandicci

BIG MATCH – Importante affermazione esterna per l’Igor Gorgonzola Novara che espugna al tie-break il campo della Savino del Bene Scandicci. Nella sfida tra le deluse di Coppa Italia, entrambe superate in semifinale, ha la meglio la compagine piemontese che subisce il gioco delle padrone di casa nel primo e nel terzo set dominati da Scandicci, mentre nei parziali combattuti riesce a spuntarla nei finali. Il quinto è invece di marca novarese che scappa sull’1-5 prima di essere riagganciata sul 7-7, ma al secondo break importante 8-12 Scandicci non riesce più a reagire e Novara conquista due punti fondamentali per la classifica. Quattro giocatrici in doppia cifra non bastano alla Savino con Meijners che spicca con i suoi 23 punti, 14 a testa per Adenizia (8 muri), Cruz ed Havlikova. Per Novara ce ne sono 27 di una super Barun (50% in attacco) e 13 a testa per Bonifacio (5 muri) e Piccinini (62% in ricezione).

CAPOLISTA – Non conosce intoppi la corsa dell’Imoco Conegliano, costretta al tie-break sul campo dell’Unet Yamamay Busto Arsizio, ma padrona del campo nel decisivo quinto set. Super prestazione di Diouf che mette la firma su 28 punti (47%) e si rivede un’ottima Stufi da 15 punti (50%) tornata ai livelli pre-infortunio. Tra le ospiti è ancora De Kruijf la migliore con 20 punti (50% e 5 muri), in doppia cifra anche Fawcett con 16 ed Ortolani e Robinson entrambe con 15.

LOTTA SALVEZZA – La Metalleghe Montichiari conquista con un netto 3-0 la sfida salvezza contro il Club Italia e condanna le giovani azzurre alla retrocessione. Le lombarde agguantano in classifica Monza, la superano per differenza set e possono continuare la loro corsa alla permanenza nel massimo campionato. Il Club Italia, dopo il bel campionato della scorsa stagione, è costretto a salutare l’A1. Decisivo per il successo il duo serbo Malagurski-Nikolic, la prima a segno con 15 punti, la seconda con 11. Per il Club Italia non bastano i 21 di Egonu.

Subisce una dolorosa sconfitta interna la Saugella Team Monza contro il Sudtirol Bolzano, le alto atesine conservano l’ottavo posto, mentre Monza scivola all’undicesimo. Partono meglio le lombarde che vincono ai vantaggi il primo parziale, poi la Sudtirol cresce e conquista con autorità i restanti tre set e l’ottava affermazione stagionale. Tra le padrone di casa troppo sola Eckerman con 14 punti, tra le ospiti ottime prestazioni di Popovic mvp con 28 punti ed il 46% in attacco, di Bartsch con 21 (48% di ricezione perfetta) e di Bauer 14 punti (71% offensivo).

Risultati 9^ giornata:

Liu Jo Nordmeccanica Modena – Il Bisonte Firenze 3-0 (25-18 25-22 25-22)

Foppapedretti Bergamo – Pomì Casalmaggiore 1-3 (19-25 25-22 22-25 15-25)

Metalleghe Montichiari – Club Italia 3-0 (25-18 25-18 26-24)

Savino del Bene Scandicci – Igor Gorgonzola Novara 2-3 (25-20 23-25 25-15 23-25 12-15)

Saugella Team Monza – Sudtirol Bolzano 1-3 (27-25 18-25 17-25 19-25)

Unet Yamamay Busto Arsizio – Imoco Volley Conegliano 2-3 (25-22 20-25 20-25 25-22 9-15)

Classifica: Conegliano 51, Casalmaggiore 43, Novara 41, Bergamo 37, Scandicci 32, Modena 30, Busto Arsizio 29, Bolzano 28, Firenze 25, Montichiari 17, Monza 17, Club Italia 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *