Goal e spettacolo, l’Inter pareggia 2-2 con il Torino

2045945-42914387-2560-1440

A Torino, i nerazzurri vengono fermati dalla squadra di casa, in una gara pieni di occasioni e giocata su ritmi altissimi. A segno Kondogbia e Candreva per l’Inter, mentre Baselli e Acquah rispondono per il Torino. In ombra Banega. 

TORINO – Alla fine il pareggio, per quello che si è visto in campo, è il risultato più giusto. La squadra di Pioli, non è riuscita a concretizzare le molte occasioni avute, ma il Torino ha giocato una grandissima partita è ha meritato il pareggio. La prestazione della squadra granata è stata impressionante soprattutto dal punto di vista fisico, è riuscita a tenere il ritmo della partita e ad attaccare per tutta la partita il portatore di palla avversario. Belotti versione gladiatore, ha dovuto lottare contro tutta la retroguardia nerazzurra, ma non ha mai smesso di combattere, qualsiasi pallone gli arrivasse. Acquah migliore in campo, grazie ad un mix di potenza fisica e tecnica (il suo goal è una perla), bene anche Iturbe. L’Inter dal canto suo riceve risposte importanti soprattutto da Kondogbia (secondo goal in carriera in Serie A per lui, dopo quello dell’anno scorso, segnato proprio contro i granata in trasferta) e da Eder, che con il suo ingresso in campo ha spaccato la partita. C’è rammarico per i punti persi, ma una cosa è chiara: ora l’Inter è davvero squadra, unita e compatta, e gioca anche in maniera positiva.

TORINO : GARA DI SACRIFICIO – L’atteggiamento dei granata è stato esemplare. Sempre a pressare, combattere, contro una delle squadre più in forma del campionato. Benissimo la retroguardia difensiva, capitanata da Moretti, e prova positiva anche per il centrocampo, formato ad Lukic, Baselli ed Acquah. In avanti l’unico a deludere è Ljajic, che sembra affaticato e stanco. L’unica nota negativa è Joe Hart, che si rivela un portiere abbastanza mediocre, che compie si grandi parate, ma di fatto regala due goal all’Inter, e soprattutto grazie alle sue uscite sconsiderate mette sempre agitazione ai compagni. Se il Manchester City lo ha lasciato partire ci sarà una motivazione, o no?

2045948-42914456-640-360

INTER: PROBLEMA FINALIZZAZIONE – Parliamo della squadra di Pioli. Gioca bene, crea moltissimo, difende anche senza evidenti patemi, ma c’è un problema: manca la cattiveria sotto porta. Lo testimoniano le troppe occasioni sciupate dai nerazzurri, addirittura due nel recupero, capitate entrambe sui piedi di Perisic. Per diventare una grande squadra, serve più prontezza nel spingere la palla in porta. Serata non facile per Icardi, stretto nella morsa granata, lo stesso vale per Banega. Una nota positiva è invece l’incredibile reazione al goal di Acquah, che ha regalato il momentaneo 2-1 al Toro. l’Inter a differenza di altre volte, non si è disunita, ma ha continuato a creare, arrivando poi ad un pareggio, con la complicità di Hart, quasi immediato. Crescita esponenziale di Kondogbia, mentre anche Ansaldi e D’Ambrosio (fresco di convocazione in Nazionale) convincono appieno. Perisic insufficiente, ma accusa anche la classica  stanchezza di fine stagione. Starà a Pioli continuare a motivare i suoi ragazzi per concludere al meglio una stagione positiva a metà, ma sicuramente importante per la mentalità e il gioco acquisto dalla squadra.

Foto LaPresse/Spada18 Marzo 2017 Torino (Italia) Sport Calcio Torino vs InterCampionato italiano di calcio Serie A TIM 2016/2017ʭ " Stadio Olimpico"Nella foto: Zappacosta Ansaldi Photo LaPresse/SpadaMarch 18, 2017 Turin (Italy)Sport SoccerTorino vs InterItalian Football Championship League A TIM 2016/2017 - " Olympic Stadium "In the pic: Zappacosta Ansaldi

IL MIGLIORE : ACQUAH Afriyie: Potenza fisica impressionante, lotta su ogni pallone. Il goal è una perla.

TORINO – INTER 2-2 (1-1)

Marcatori: 27′ Kondogbia (I), 32′ Baselli (T) 59′ Acquah (T) , 62′ Candreva (I)

Torino (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Moretti, Molinaro; Acquah, Lukic, Baselli (85′ Maxi Lopez); Iturbe (70′ Iago Falque), Belotti, Ljajic (65′ Boyé). All. Mihajlovic

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel (57′ Murillo), Miranda, Ansaldi; Gagliardini, Kondogbia (76′ Brozovic); Candreva, Banega (60′ Eder), Perisic; Icardi. All. Pioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.