Dramma Brozovic, Quagliarella regala la vittoria alla Samp: 1-2 al Meazza

patrik-schick-inter-sampdoria-serie-a_1v64rpijiywwx1m4j1bpucflcw

Il croato protagonista assoluto in negativo, regala due goal agli ospiti, che ringraziano ed estromettono, di fatto, i nerazzurri dalla corsa per la Champions League.

MILANO – Ora serve un miracolo. La Champions League s’allontana ulteriormente e gli uomini di Pioli, probabilmente ora dovranno difendere la qualificazione in Europa League. Non esattamente l’obbiettivo d’inizio stagione, se vogliamo essere sinceri, ma in mezzo c’è stato il “caso” De Boer ed altre complicazioni. Sembrava che l’Inter potesse almeno un minimo recuperare, ma con la clamorosa sconfitta di oggi, oramai sembra tutto finito. Merito di una grandissima prestazione blucerchiata, che porta a casa tre punti meritati. L’Inter non ha giocato male, ma si è dimostrata incapace nel concretizzare le occasioni, con Candreva prima e Icardi poi, che hanno sciupato due occasioni colossali. Al resto hanno pensato Schick e Quagliarella, con la complicità di Brozovic, sempre più elemento oramai di troppo nella rosa nerazzurra.  Una prestazione drammatica da parte del croato che rischia di rovinare la volata Champions della squadra meneghina.

LE FORMAZIONI – Pioli opta per il solito 4-2-3-1, con Kondogbia che si accomoda in panchina, al suo posto Brozovic. Giampaolo, schiera un 4-3-1-2 con la coppia Schick-Quagliarella in attacco.

LA PARTITA – La partita comincia subito su ritmi abbastanza alti, con entrambe le squadre che pressano alto. L’Inter predilige la palla sugli esterni, mentre la Sampdoria tende ad attaccare per vie centrali. Al nono l’Inter spreca un’occasione colossale con Candreva che calcia a lato dal vertice del dischetto. La Sampdoria risponde al venticinquesimo  con un tiro improvviso di Quagliarella che si stampa sul palo. E’ il minuto trentacinque è l’Inter la sblocca con D’Ambrosio, il cui tiro termina in rete, complice anche una deviazione di Skriniar. La Sampdoria però, continua a creare gioco con Schick che mette in costante apprensione Medel. In pieno recupero Fernandes colpisce il palo mentre Schick, sulla respinta, non riesce a trovare la porta. Il primo tempo termina quindi sul risultato di 1-0.

211311025-24d1783b-5356-429e-8fbc-646566549768

La ripresa è a tinte blucerchiate, con gli ospiti che entrano con più cattiveria rispetto ad un’Inter quasi addormentata. Al cinquantunesimo Schick pareggia su sponda di Silvestre, con Brozovic che tiene in gioco il giovanissimo attaccante. L’Inter si sfilaccia è la Samp prende il controllo della gara. I centrocampisti ospiti, provano ad imbeccare costantemente le due punte, sempre molto mobili e libere di spaziare. Al settantaduesimo l’Inter spreca un’occasione colossale con Icardi che non riesce a trovare la porta da ottima posizione. All’ottantacinquesimo Torreira si guadagna un ottimo calcio di punizione, che viene battuto con Brozovic che in area colpisce la palla a mano aperta: calcio di rigore nettissismo, che viene trasformato da Quagliarella. L’Inter prova a buttare la palla nell’area avversaria, ma gli ospiti resistono e portano a casa una vittoria clamorosa.

Sampdoria's Fabio Quagliarella jubilates after scoring on penalty the goal during the Italian Serie A soccer match Inter FC vs UC Sampdoria at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 03 April 2017. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

IL MIGLIORE: SCHICK Patrick: Ottima prova del giovane attaccante, che mette in continua difficoltà la difesa neroazzurra e trova il goal del pareggio, l’ottavo in campionato.

IL TABELLINO:

INTER-SAMPDORIA 1-2 (1-0)

Marcatori: 35′ D’Ambrosio (I), 51′ Schick (S), 85′ Quagliarella (S).

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi; Gagliardini (46’ Kondogbia), Brozovic; Candreva, Banega (66’ Eder), Perisic (78’ Joao Mario); Icardi. All. Pioli

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Sala (16’ Bereszyński), Silvestre, Skriniar, Dodò (70’ Regini); Barreto, Torreira, Linetty; Fernandes (61’ Alvarez); Quagliarella, Schick. All. Giampaolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *