Il Genoa risorge, l’Inter sprofonda ancora: è 1 a 0 al Ferraris

164441891-fc27ccd2-dfb2-4d66-8774-01603dd00d51

I rossoblù conquistano tre punti fondamentali per la lotta salvezza contro un Inter ormai in crisi nera. Decisivo il goal di Goran Pandev nella ripresa.

GENOVA- Quella di oggi, al Luigi Ferraris, era una partita che valeva tanto. Tantissimo. Le due squadre, infatti, avevano disperato bisogno di punti vitali in classifica per raggiungere i rispettivi obiettivi. Salvezza da una parte, Europa League dall’altra. Solo una delle due, però, è riuscita a sorridere questo pomeriggio: il grifone di mister Juric.

LA PARTITA- Il Genoa si presenta con il solito “falso” 3-4-3: Rigoni terzo d’attacco a fare da raccordo tra la linea mediana e quella offensiva, Biraschi sostituisce invece lo squalificato Izzo. Pioli, nelle file nerazzurre, concede un’altra chance da titolare ad Eder nel tridente d’attacco, nel suo 4-3-3.

Gli uomini di mister Juric, appaiono fin dai primi minuti, diversi dalle ultime uscite: concentrati, attenti e compatti. Le occasioni concesse all’Inter infatti, soprattutto nella prima frazione di gara, sono sporadiche. Perisic è forse l’unico nerazzurro a dare l’impressione di poter fornire linfa necessaria alle azioni offensive interiste.

Dopo nemmeno 5 minuti di gioco il Genoa è già furioso per un rigore netto, a detta di molti, non segnalato. Su cross basso di Lazovic dalla destra, Simeone (in leggero fuorigioco) riesce ad anticipare Gary Medel nell’intervento sul pallone. Il cileno tocca il polpaccio del Cholito, che cade in area: sia arbitro che assistente, però, lasciano continuare.

GENOA, ITALY - MAY 07: Giovanni Simeone (Genoa) and Gary Medel (Inter) during the Serie A match between Genoa CFC and FC Internazionale at Stadio Luigi Ferraris on May 7, 2017 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

L’inizio scoppiettante, almeno dal punto di vista delle polemiche arbitrali, lascia spazio però ad un primo tempo decisamente noioso, dove accade davvero poco e nulla. La pochezza tecnica del Genoa è cosa nota, ma nemmeno gli uomini di Pioli, quest’oggi, riescono a mettere sul terreno di gioco spunti tecnici degni dei loro nomi. I primi ’45 minuti sono uno scontato 0-0.

L’inizio di ripresa è contraddistinto da un buon inizio del grifone, che riesce a costruire qualche bella trama di gioco grazie, soprattutto, alla convincente prova del duo Cataldi-Veloso in mezzo al campo. Ma, dopo un quarto d’ora di gioco, i nerazzurri hanno forse l’occasione da goal più nitida della loro partita. Perisic, migliore in campo dei suoi, dopo un bello scambio sulla trequarti con Icardi, si ritrova, leggermente defilato, davanti a Lamanna: il portiere genoano, però, riesce a respingere caparbiamente a lato.

Occasione sprecata, goal subito. Ed è così che al ’70 i padroni di casa passano in vantaggio: Veloso spara un bolide, da fuori area, contro Handanovic. Il numero uno sloveno riesce a deviare il pallone, con la punta delle dita, sulla traversa. La respinta però è di un rapace Goran Pandev: di sinistro al volo spedisce la palla in rete. Il suo, dopo quello di domenica scorsa, è il secondo goal consecutivo.

La partita sembra ben avviarsi verso il successo dei rossoblù, ma a cinque minuti dalla fine, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Burdisso devia con la mano un tiro in semirovesciata del solito Perisic: Damato, senza esitazioni, fischia il calcio di rigore. Candreva si presenta sul dischetto ma sbaglia. Lamanna si conferma, ancora una volta, un eccezionale pararigori. Il risultato rimarrà, così, invariato fino al fischio finale.

679982336

LA SITUAZIONE- Il Genoa, con i 3 punti di oggi, mette una seria ipoteca sulla salvezza. I 5 punti di distacco e gli scontri diretti a favore sul Crotone sono un bel bottino da gestire, nelle ultime tre giornate, per garantirsi la permanenza in Serie A. Gli interisti invece, vista anche la sconfitta casalinga per 1-4 dei cugini rossoneri contro la Roma, sprecano la ghiotta occasione di agganciare il Milan nella lotta all’ultimo posto disponibile per l’accesso ai play-off della vecchia Coppa UEFA. Contro Sassuolo, Lazio e Udinese gli uomini di Pioli sono chiamati a non fallire, se non vogliono vedere sfumare definitivamente l’ingresso in Europa League.

TABELLINO:

GENOA-INTER 1-0 (’70 Pandev)

Genoa (3-4-3): Lamanna, Gentiletti, Burdisso, Biraschi, Beghetto, Cataldi, Veloso, Lazovic (’74 Munoz), Rigoni, Palladino (’89 Cofie), Simeone (’19 Pandev)

Inter (4-3-3): Handanovic, D’Ambrosio, Medel, Andreolli, Nagatomo ( ’82 Banega), Gagliardini, Kondogbia. Candreva, Eder (’72 Gabriel Barbosa) , Perisic, Icardi (’72 Palacio)

Arbitro: Antonio Damato

Ammoniti: ’37 Lazovic, ’53 Nagatomo, ’61 Biraschi, ’77 Medel, ’87 Burdisso, ’90 Rigoni

Espulsi: ’88 Kondogbia (proteste)

Note:  ’87 rigore sbagliato da Candreva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.