Motomondiale Repubblica Ceca – Ancora caos cambio moto, ma la spunta Marquez! Pedrosa segue a ruota, Rossi quarto

Marquez-motogp-brno-2017-fp3

Riparte dopo la pausa estiva il motomondiale dalla pista di Brno in Repubblica Ceca.

Un weekend di gare molto frenetico anche a causa del meteo, che vede Mir primeggiare in Moto3 e Luthi che vince una gara spezzata a metà in Moto2. Meteo che crea moltissimo scompiglio anche in MotoGP, dove torna il caos da cambio moto che genera anche un incidente in pit lane tra Andrea Iannone e Aleix Espargaro potenzialmente molto pericoloso.

Una gara che parte sotto la minaccia della pioggia, con Lorenzo che mette le ali (letteralmente) alla sua Ducati e prende la prima posizione facendo il vuoto dietro se. I giri passano e velocemente l’asfalto si asciuga, rendendo inutili le Wet e necessario il cambio moto. Entra ai box per primo Marc Marquez, che era partito con la Rain Soft e aveva ormai la gomma estremamente deteriorata. Così facendo prende un vantaggio pazzesco sugli altri piloti ancora con gomma da bagnato, girando oltre dieci secondi più veloce.

-tin6577

Gli oltre 30 secondi guadagnati permettono al pluri-campione del mondo spagnolo la possibilità di avere la vittoria in tasca fin da subito, e relegando Viñales, Rossi, Dovizioso e gli altri “big” del mondiale al ruolo di semplici inseguitori. Con il proseguio della gara se delinea una netta doppietta Honda, con Dani Pedrosa che si mette dietro (staccato di oltre 20 secondi al traguardo) al compagno di squadra, forte anche dell’esperienza maturata nei test che la Honda ha fatto proprio a Brno durante la pausa estiva.

motogp-fp1-brno-pedrosa-2017

Una gara in rimonta per il duo Yamaha ViñalesRossi, che si trovano a rimontare rispettivamente dalla ottava e tredicesima posizione dopo il cambio moto e che terminano terzo e quarto. Una gara tutto sommato non disastrosa, perchè permette a entrambi da mantenere un distacco relativamente piccolo nella classifica piloti del mondiale.

motogp-brno-2017-071

Gara ottima anche per Crutchlow e Dovizioso, il primo si ritrova automaticamente davanti e riesce a gestire il vantaggio egregiamente nonostante sia in sella a una Honda non ufficiale, terminando quinto e riuscendo a difendere la posizione fino agli ultimi giri, mentre Dovizioso recupera insieme a Rossi dalla quattordicesima posizione e fa segnare anche dei tempi stratosferici, vicinissimi a quelli dei primi. In netta difficoltà Lorenzo, che nonostante le nuove appendici aerodinamiche della sua moto non riesce a tenere il ritmo e termina quindicesimo.

crutchlow-e-rossi

Una gara quindi decisa ancora una volta dal cambio moto, complice anche una Race Direction che dichiara gara bagnata con l’asfalto praticamente asciutto e il cielo azzurro con poche nuvole sopra la pista. Questi cambi moto stanno sempre di più condizionando le gare negli ultimi tempi, a discapito dello spettacolo in pista e della vera meritocrazia tra i piloti, creando anche situazioni pericolose per gli addetti ai lavori come con l’incidente di oggi dove per fortuna nessuno si è fatto male.

Classifica finale:

1- Marc Marquez (Honda)

2- Dani Pedrosa (Honda)

3- Maverick Viñales (Yamaha)

4- Valentino Rossi (Yamaha)

5- Cal Crutchlow (Honda)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.