Premier League 1^ giornata: cade il Chelsea di Conte, bene City e United

PREMIER LEAGUE – È ripartita l’edizione del campionato inglese ’17-18 e già durante la prima giornata ci sono stati colpi di scena, come il Chelsea di Conte, campione in carica, che cade in casa contro il Burnley o il Liverpool di Klopp, che non va oltre il pareggio a Watford. 
Bene invece le due squadre di Manchester e l’Arsenal, che nell’anticipo del venerdi (prima volta in assoluto nella storia del campionato inglese) supera con una incredibile rimonta il Leicester, battendolo per 4-3.


CHELSEA, WHATS’UP? – Chelsea, cosa succede? 
È quello che devono essersi chiesti i tifosi dei blues alla fine della partita quando, incredibilmente, hanno visto i loro beniamini cadere in casa contro un modestissimo Burnley. 
Che l’annata possa essere difficile per il Chelsea si è già capito dalla pre-season e dalle dichiarazioni del tecnico pugliese prima dell’esordio in Premier, definendo questo anno “molto difficile” per lui. E in effetti è in salita anche la partita, con Cahill che si fa espellere dopo 15 minuti e lascia i compagni in balìa degli avversari, che in un tempo ne rifilano 3 ai blues ed evidenziano le carenze tecniche di David Luiz, ad esempio, tornato ai suoi (bassi) livelli. L’assenza di Hazard e l’addio di Diego Costa hanno pesato ancor di più sopratutto pensando al fatto che i Blues in panchina aveva praticamente solo giovani e se la proprietà non deciderà di investire sul mercato, il Chelsea di Conte rischia di ricalcare le orme dell’ultimo Chelsea di Mourinho. 


MANCHESTER – Tutt’altra musica quella invece vissuta dalle due squadre di Manchester, che hanno battuto i neo promosso del Brighton (il City) e il West Ham (lo United). 
Gli uomini di Guardiola hanno avuto vita molto facile con la neo promossa Brighton, che ha resistito solo un tempo sotto i colpi del tiki taka Guardioliano per poi cedere sotto i colpi del Kun Agüero e l’autogol di Dunk a chiudere i giochi. 
Dopo le folli spese sulle fasce effettuate dal City questa estate, ambire al titolo è l’obiettivo minimo per la parte blu di Manchester. 

Esordio casalingo e domenicale invece per lo United contro un West Ham rimaneggiato, che ha provato comunque a scendere all’Old Trafford per giocarcela ma ha finito per subire un poker senza colpo ferire. 
Che sia uno United differente dallo scorso anno lo si capisce dal fatto che il primo tempo non si sia concluso 0-0 (l’anno scorso furono molte partite giocate in casa a chiudersi con un pareggio) perché, finalmente, i diavoli rossi riescono a sbloccarla intorno al trentesimo grazie ad uno dei nuovi arrivati, Lukaku, che facendosi aiutare dal palo sigla il primo gol casalingo dell’anno. 
Nel secondo tempo è nuovamente il belga a raddoppiare e, di fatto a chiudere i conti. Il West Ham non riesce a creare occasioni e nel finale lo United segna ancora con Martial e Pogba. Ora Mourinho dovrà dare continuità ai risultati, sopratutto casalinghi, per ambire a lottare per il titolo. 


WELCOME HOME, WAYNE! – Oltre alle super big, con Spurs e Arsenal che vincono le loro rispettive partite contro Newcastle (a proposito, Benitez è quotato dai bookmakers inglesi come primo allenatore che verrà esonerato) e Leicester, questa prima giornata di Premier era attesa anche per un gradito ritorno sulla sponda blu di Liverpool di un certo “ragazzo” che aveva salutato oltre un decennio fa la società e ora è tornato per rilanciarsi: parliamo ovviamente, Wayne Rooney. 
L’ex United ci ha messo davvero poco per far tornare ad infiammare i tifosi dei Toffies che hanno esultato come se avessero vinto una Champions quando il loro beniamino, allo scadere del primo tempo in casa contro lo Stoke, ha siglato di testa il gol vittoria. Miglior ritorno, Wazza, non poteva davvero immaginarlo. 

RISULTATI 

Arsenal-Leicester 4-3
Watford-Liverpool 3-3
Chelsea-Burnley 2-3
C.Palace-Huddersfield 0-3
Everton-Stoke 1-0
Southampton-Swansea 0-0
WBA-Bournemouth 1-0
Brighton-City 0-2
Newcastle-Tottenham 0-2
United-West Ham 4-0

CLASSIFICA

3 punti: United, Huddersfield, City, Tottenham, Arsenal, Burnley, Everton, WBA

1 punto: Watford, Liverpool, Southampton, Swansea

0 punti: Leicester, Chelsea, Stoke, Bournemouth, Newcastle, Brighton, C.Palace, West Ham

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *