Milano vola, Roma arranca: il punto delle prime due giornate

Curve roma lazio

Giallorossi e biancocelesti hanno raccolto rispettivamente 3 e 4 punti nelle prime due giornate, ma soprattutto sono apparse affannate, senza energia.

ROMA – Il calcio d’agosto, tra amichevoli, e prime partite di campionato, è sempre poco considerato in  termini di giudizio su una squadra. La condizione fisica non è ottimale, i nuovi arrivati si devono integrare, e le squadre devono ancora ingranare la marcia. Nulla di preoccupante, quindi, ma non va neanche completamente sottovalutato. Roma Lazio non hanno iniziato nel migliore dei modi il campionato. O per lo meno, non lo hanno iniziato come ci si aspettava, ed entrambe le compagini presentano gli stessi problemi dal punto di vista mentale e fisico. Insomma il campionato è appena iniziato, ma urge cambiare subito qualcosa.

ROMA: TRA GLI ACCIACCHI ED IL MERCATO- I giallorossi hanno cambiato molto in estate. E’ arrivato Di Francesco al posto di Spalletti, volato a Milano, sponda Inter. La sessione appena conclusa è stata anche condotta da un nuovo dirigente sportivo, Monchi che ha fatto miracoli a Siviglia, ma che non è riuscito a dimostrare al massimo il proprio valore. Perche se è vero che i giallorossi in uscita sono stati stupefacenti – Paredes venduto a 30 milioni ne è l’esempio – lo stesso non si può certo dire in entrata. Oltre al centrocampista argentino, hanno salutato anche dei pezzi da novanta come Rudiger e soprattutto Salah, che non sono stati rimpiazzati adeguatamente. Sono arrivati Defrel e Schick, ottimi giocatori, ma nessuno dei due è un esterno puro, per non parlare di Hector Moreno, difensore centrale, ancora troppo acerbo per sostituire Rudiger. Il gioco di Di Francesco è incentrato molto sulle ali, e sugli esterni, e nelle prime due giornate si è visto che i capitolini non hanno espresso il gioco voluto dall’allenatore ex Sassuolo. Con l’Inter, c’è stata anche molta sfortuna, ma a Bergamo, la Roma non ha giocato come una squadra, ed è stata salvata da una bella punizione di Kolarov. Contro i nerazzurri la squadra ha regalato il secondo tempo all’avversario, che ha gentilmente ringraziato, e ha strappato tre punti fondamentali ai capitolini. Insomma, i segnali, non sono drammatici, ma neanche incoraggianti. Urge cambiare subito marcia se si vuole tenere il passo delle altre big.

Dzeko

LAZIO: BUONA LA SECONDA, ORA CI SI AFFIDA A NANI- I biancocelesti, sono chiamati a continuare la buona stagione dell’anno passato, e hanno tutte le carte in regola per lottare, per un posto nell’Europa che conta. Lotito ha fatto un mercato intelligente, vendendo giocatori in scadenza a prezzi alti e rimpiazzandoli, con elementi validi e d’esperienza. L’arrivo di Nani regala entusiasmo alla piazza e il portoghese si vorrà rilanciare in ottica Mondiali, dopo la deludente stagione in Spagna. Dopo l’incredibile vittoria in Supercoppa contro la Juventus, la squadra di Inzaghi ha raccolto un pareggio con la Spal ed ha vinto contro il Chievo. La squadra è sembrata affaticata, e si è affidata soprattutto ai singoli. Nell’ultima partita una prodezza di Savic, ha regalato i tre punti ai biancocelesti, che però hanno fatto vedere lacune soprattutto in difesa, ma anche nella costruzione del gioco. Simone Inzaghi dovrà rivitalizzare la squadra, per continuare a inseguire la Champions.

Milinkovic-Savic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.