A tutta B (seconda parte): un Maggiore per la truppa dei giovani e B Ready per la 17^

esultanza-maggiore.30307

MAGGIORE NON SOLO DI NOME – Tornano prepotentemente a comparire nuovi Under21 sui tabellini dei marcatori della serie cadetta, dopo due settimane di astinenza. Ben tre, infatti, sono questa settimana i giovanissimi che hanno iscritto il proprio nome nella colonna dei marcatori, tutti, tra l’altro, con esiti positivi per la propria squadra. Partiamo dal primo, che ha insito nel nome il motivo del suo primeggiare, visto che si tratta di Giulio Maggiore dello Spezia, uno della “banda degli aggettivi” che imperversa da più di due anni nella squadra aquilotta (lo scorso anno con Piccolo e Migliore, quest’anno con Bassi e Forte). Maggiore (foto di copertinaè un centrale di centrocampo nato a Genova il 12 marzo 1998, ma che rappresenta il vero profeta in patria che si oppone al diktat del proverbio, visto che, trasferito a La Spezia, qui è cresciuto calcisticamente fin da giovanissimo, prima di entrare nel settore giovanile della squadra bianca e percorrerne la scalata fino alla prima squadra. Il grande attaccamento alla sua terra lo dimostrò qualche anno fa, ancora 12enne, quando giocava in una delle principali squadre dilettantistiche dell’entroterra spezzino, il Canaletto (la squadra che vide crescere anche un certo Buffon), e venne contattato dal Milan per uno stage. L’avventura milanese durò pochissimo: la nostalgia per la sua famiglia e la sua città era troppo forte e tornò indietro. Approdato alla Primavera aquilotta proprio sotto la guida di Mister Gallo, quando questi era il tecnico di categoria dei bianconeri, si mise in mostra come uno dei protagonisti della miglior generazione spezzina, quella che giunse per la prima volta nella sua storia alle finali del Campionato Primavera e che poi venne sconfitta al Viareggio in semifinale dalla Juventus solamente ai rigori, torneo dove Maggiore si segnalò come uno dei migliori marcatori con 4 reti. Fa parte della prima squadra dallo scorso campionato, quando fu Di Carlo il primo a credere “maggiormente” in lui, al punto da schierarlo per 26 volte, e lui rispose alla fiducia segnando un gol, il primo tra i professionisti. Nel periodo estivo si è segnalato per un grande gesto di maturità, quando ha preferito rinunciare alla convocazione dell’Under 20 per sostenere con tranquillità gli esami e diplomarsi con successo (ora è iscritto all’Università a Scienze della comunicazione). Tornato Gallo sulla panchina aquilotta, stavolta della prima squadra, la fiducia in lui è ulteriormente cresciuta, al punto che Maggiore è uno dei titolari più utilizzati, essendo già sceso in campo in 13 occasioni. Sabato il primo gol stagionale: al 33’ della partita col Pescara, quando ancora il risultato era fermo sullo 0-0, si è fatto trovare ottimamente appostato sul versante destro dell’area per ricevere l’assist di Forte (ricordate la banda degli aggettivi…) e scagliare un diagonale di destro preciso che si è insaccato all’angolo opposto per l’1-0 che ha aperto la strada al poker aquilotto. Secondo della lista è un altro giovane che ha contribuito ai tre punti della sua squadra, anche lui aprendo le marcature per una vittoria di misura, ovvero Varnier del Cittadella. Marco Varnier è un difensore centrale, nato a Padova l’8 giugno 1998, ed anche lui frutto del vivaio della squadra in cui gioca. Anche lui è in rosa dei granata dallo scorso campionato, in cui è sceso in campo in 14 occasioni senza mai segnare un gol. Cresciuta la fiducia anche per lui in questa stagione, in cui è già stato schierato in campo in 11 occasioni, ma questa volta è arrivata la gioia del primo gol tra i professionisti: al 23’ della partita interna con la Salernitana, si fa trovare pronto sul secondo palo a deviare in gol di testa un cross dalla sinistra di Pasa, per l’1-0. Il terzo della lista, infine, che condivide con Maggiore la comparsa sui tabellini già nella scorsa stagione, ha contribuito con il suo gol, invece, al pareggio della sua squadra e si tratta di Bifulco della Pro Vercelli. Alfredo Bifulco è un’ala nata ad Ottaviano, in provincia di Napoli, il 19 gennaio 1997 e cresciuto calcisticamente nel settore giovanile dei partenopei. E’ un professionista dal 2015, quando gli azzurri lo mandano in prestito al Rimini in Lega Pro, dove mette insieme 20 presenze tra stagione regolare e play out e realizza la sua prima rete tra i professionisti. La stagione successiva, la scorsa, va, sempre in prestito, al Carpi, dove si mette in evidenza fin dalla prima giornata, realizzando il primo gol, vincente, per la sua squadra. Chiuderà la stagione con 20 presenze e 3 gol realizzarti. Da quest’anno è alla Pro Vercelli, sempre a titolo temporaneo, e anche qui sta trovando buono spazio, essendo sceso in campo, fin qui, in 12 occasioni. Lui ha risposto alla fiducia realizzando già due gol, uno alla 6^ giornata, inutile, nella sconfitta per 2-1 a Palermo, mentre sabato ha realizzato un gol decisivo: al 65′ del match interno con l’Entella, con il risultato fissato sullo 0-1 dal gol dell’ex La Mantia, è svettato di testa per deviare ad incrociare un preciso cross dalla sinistra di Mammarella per il definitivo 1-1.

Image and video hosting by TinyPic

B READY, PER ESSERE PRONTI ALLA 17^ GIORNATA – Tutto pronto per la 17^ giornata, turno che si disputerà senza l’anticipo del venerdì, ma con ben due posticipi in più: 7 partite sabato alle 15 e poi 4 posticipi, uno sabato alle 18, uno domenica alle 15 e i due consueti, quello domenicale delle 17.30 e quello del lunedì delle 20.30. Tra sabato e domenica la lotta per la testa della classifica: la capolista Bari nel posticipo domenicale delle 17.30 va a Chiavari sul campo dell’Entella; il Palermo, in quello di sabato alle 18 affronta il Venezia nello scontro diretto d’alta classifica. match clou di giornata; il Frosinone attende in casa un Cesena di ottimo umore, sabato pomeriggio, mentre il Parma, nello stesso giorno, ospita la Pro Vercelli. Match importanti anche per le squadre che occupano l’attuale zona play off: l’Empoli è impegnato nell’insidiosa trasferta di Novara, seppur i piemontesi abbiano un miglior rendimento fuori casa, mentre il Cittadella va a far visita ad un Foggia che vuole dimenticare subito la sconfitta nel derby, la Cremonese ospita uno Spezia dall’umore alto dopo il convincente poker al Pescara, e il Carpi, domenica alle 15, va a far visita ad un Avellino per nulla intenzionato a cedere un altro match casalingo dopo la pesante sconfitta col Palermo. Secondo impegno consecutivo in trasferta per la Salernitana, sul non semplice campo del Brescia. Intanto il Pescara proverà a dimenticare il diluvio del Picco, ospitando la Ternana. Infine, a chiudere il programma, il posticipo del lunedì, in cui il Perugia attenderà al Curi l’Ascoli ultimo in classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.