Sportedelica: curling tra realtà e fantasia

curling bisiac

Questa volta vorrei proporvi una doppia notizia: una parte seria e “reale”, l’altra divertente in pieno stile Sportedelica.
Dunque partiamo dal principio, parleremo di curling. Avete tutti presente questo sport, vero? Sì è quello con le teiere, o pentole a pressione, a seconda di come le vedete, e le scope. Quello che si fa su una pista ghiacciata.
Ok capito di cosa sto parlando passiamo alla notizia, quella seria: la Nazionale Italiana maschile per la prima volta nella storia si è qualificata per le Olimpiadi 2018 (che ovviamente nei seguiremo alla nostra maniera). Una notizia che ha riempito di gioia non solo l’intero movimento, ma anche tutti coloro che si sono negli anni appassionati a questa disciplina vedendola praticamente solo ogni 4 anni. Lo ammetto io sono tra questi. A me quelle stone (le chiamo con il nome reale perché siamo nella parte seria) che scivolano grazie al movimento degli scopettoni che attenuano l’attrito con il ghiaccio hanno sempre fatto impazzire. Se solo dove vivo ci fosse la possibilità di praticare questo sport lo avrei fatto, anche se non so con quali risultati, probabilmente disastrosi.
Comunque tornando alla notizia: l’Italia nella sfida per l’accesso diretto hanno superato, non senza difficoltà, la Danimarca (che nella gara femminile hanno battuto le azzurre). Ad essere proprio puntigliosi, questa non è la prima volta che l’Italia partecipa ai Giochi Olimpici invernali, ma la precedente era di diritto, ovvero in occasione di Torino 2006, dove il paese ospitante era presente in tutte le competizioni.
Dunque non ci rimane che attendere le Olimpiadi 2018 per tifare azzurri.

Foto dal sito FISG
Foto dal sito FISG

Ora però passiamo alla notizia più “sportedelica”, quella che dovrebbe strapparvi una risata (un sorriso spero di avervelo strappato di gioia per la Nazionale Italiana maschile). Dunque abbiamo parlato delle stone, a vederle viene immediatamente un pensiero: una teiera o forse… una pentola a pressione. Ecco a Ronchi dei Legionari, in provincia di Gorizia, si tiene, dal 2013, il Curling Bisiac, una versione più “casalinga” del curling. E se prima parlavamo di pentole a pressione è proprio quello che usano a Ronchi dei Legionari. Niente stone ufficiali con pietra rigorosamente scozzese, ma semplici pentole magari sottratte con destrezza a mogli, mamme o nonne. La manifestazione, in questo 2017, si è aperta lo scorso 27 novembre e si chiuderà il 7 gennaio. Hanno una pagina Facebook sulla quale potete tenervi aggiornati sull’andamento di questa quinta edizione e chissà magari prendere il coraggio per iscrivervi il prossimo anno.

Foto di copertina dalla pagina Facebook di Curling Bisiac

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *