Juve, 3 punti col motore al minimo

fonte Instagram Juventus
                     fonte Instagram Juventus

Il posticipo della 21° giornata all’Allianz Stadium tra la Juventus e il Genoa, la prima dopo la sosta del campionato presentava molti più spunti interessanti di quanti un confronto tra una delle due squadre schiacciasassi del campionato e una squadra in lenta e faticosa risalita dopo una partenza deludente lascerebbe pensare.

Tuttavia il cambio di allenatore che sembra aver reso il Grifone una compagine assai più quadrata rispetto a prima, tanto da arrivare a Torino con nessun gol subito nelle ultime 4 trasferte, e il ruolo di bestia nera che il Genoa ha ben interpretato nelle ultime stagioni nei confronti dei campioni d’Italia, lasciavano alcuni spiragli a un pronostico altrimenti chiuso a doppia mandata.
In più il rientro dalla sosta, gestita stavolta da Allegri con un lungo riposo concesso ai suoi giocatori, in questa stagione non la mai favorito la Juve, che ha perso 2 volte su 2 dopo la pausa del campionato, con l’aggravante dell’importante risultato del Napoli di domenica a Bergamo che avrebbe potuto mettere sotto pressione i bianconeri.
E, dulcis in fundo, la domanda delle domande: quanto avrebbe pesato l’assenza di Dybala?
Sull’ultimo punto si potrà obiettare che nelle ultime giornate del 2017 raramente la Joya è stata schierata nell’ undici titolare ma si trattava sempre di un’opzione in corsa non da poco, specie in partite ostiche come poteva essere quella con la squadra ligure.

Allegri ci ha abituati a spostare gli equilibri a partita in corso con cambi ben definiti, sfruttando quei giocatori da “strappi” come Costa, Cuadrado e Bernardeschi per non parlare dello stesso Dybala. proprio per questo l’assenza di un’arma come l’argentino, anche nell’ottica dell’assenza di Juan Cuadrado, può diventare pesante, malgrado ultimamente gli siano stati preferiti, specie dal primo minuto, compagni che interpretano meglio di lui lo schieramento coi tre centrocampisti che l’allenatore livornese in questo momento predilige.

Mai come in questo caso le risposte del campo sono state ben esemplificate dal punteggio finale, una vittoria di misura che di misura è stata, sofferta malgrado la mancanza di occasioni da parte del Genoa che, pur non avendo tirato nello specchio della porta neanche una volta in 90′, in ogni caso ha giocato un terzo finale di gara in cui ha stretto alle corde i bianconeri, obbligati più volte a buttare via la palla per dirimere situazioni complicate.

Mancanza di gambe e lucidità, senza alcun dubbio: veder ciondolare in campo più di un giocatore con ben poche energia dopo un’ora di gioco è assolutamente significativo di una condizione non perfetta, legata probabilmente agli importanti carichi di lavoro effettuati in settimana.
Tanti i giocatori sottotono, da Higuain a Mandzukic  passando per il solito, inconsistente, Alex Sandro versione 2017/18, che hanno in ogni caso cercato di rendersi utili la squadra pur senza brillare nelle giocate individuali.
Ancora una volta l’acuto che ha spaccato la partita è venuto dal brasiliano che viene dal freddo, quel Douglas Costa che è incontenibile nei suoi lampi, i quali superano di gran lunga le pause che si concede di tanto in tanto, specie da quando il maestro Max lo ha preso sotto la sua ala protettrice.
Unica domanda per ora irrisolta è quella riguardante il peso dell’assenza di Dybala che, a guardar bene, difficilmente vedrà una risposta chiara e completa prima del rientro del 10 bianconero.
Per ora, quel che è certo, è che il gruppo di Allegri, sebbene falcidiato dalle assenze, è talmente tanto superiore alle altre squadre da potersi permettere di affrontare determinate partite con una squadra abbastanza lontana dal 100 % della condizione, appesantita da allenamenti intensi e mirati a cercare la miglior brillantezza alla ripresa della Champions, anche se questo significa offrire prestazioni assai poco convincenti come quella di lunedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.