Samsung Galaxy Coppa Italia Volley Femminile: Conegliano sul velluto, Novara solo al tie-break. La finale è tra le più forti!

BOLOGNA – L’Imoco Conegliano supera 3-0 l’Unet Yamamay Busto Arsizio e si qualifica per il secondo anno consecutivo alla finale di Coppa Italia. Le pantere gialloblu dominano il primo set e tengono sotto controllo il ritorno delle lombarde, spuntandola ai vantaggi nei successivi due. La sfida per il titolo sarà contro l’Igor Gorgonzola Novara che al termine di una dura battaglia contro la Saugella Team Monza ha avuto la meglio al tie-break, rimontando uno svantaggio di 1-2.

Si ripropone così la sfida della finale di Supercoppa e del Girone di Champions League, il match tra le due squadre che, sino a questo momento della stagione, hanno dimostrato di avere qualcosa in più sulla concorrenza.

CONEGLIANO ESULTA IMOCO VOLLEY CONEGLIANO - UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO FINAL 4 COPPA ITALIA VOLLEY A1-F 2017-2018 BOLOGNA 17-02-2018 FOTO FILIPPO RUBIN / LVF
L’Imoco Conegliano festeggia la vittoria in semifinale contro l’Unet Busto Arsizio

CONEGLIANO (1)-BUSTO ARSIZIO (4) 3-0 (25-16; 27-25 30-28)

CONEGLIANO: Hill 20, Fabris 19, Bricio 14, Danesi 5, Melandri 4, Wolosz 1, De Gennaro(l); De Kruijf 3, Nicoletti 2, Bechis, Cella. N.e: Fiori, Folie, Lee.

BUSTO ARSIZIO: Diouf 21, Bartsch 17, Gennari 9, Orro 1, Stufi 1, Berti, Spirito(l); Botezat 2, Causceva, Negretti, Wilhite. N.e: Dall’Igna, Piani.

STARTING SIX – Non ci sono grosse sorprese nei sestetti partenti, Santarelli manda in campo la diagonale palleggiatore-opposto WoloszFabris, con BricioHill in banda, DanesiMelandri al centro e De Gennaro libero; risponde Mencarelli con il sestetto tipo composto da OrroDioufBartschGennari ad attaccare da posto 4, BertiStufi centrali e Spirito libero.

DOMINIO – Il primo set è un monologo delle venete, infatti dopo un iniziale vantaggio di Busto, che si porta sul 9-6 con gli attacchi di Bartsch Diouf, è Conegliano a prendere in mano le redini del gioco, si spegne la luce nella metà campo delle farfalle e si esaltano le attaccanti venete, Fabris ed Hill mettono a terra 6 palloni a testa, Bricio 4 ed il -3 diventa ben presto un +7 sul 18-11. Il set prosegue fino al termine con questo distacco e l’ingresso di De Kruijf (subito a segno con due punti) lo amplia fino alla chiusura dalla seconda linea di Fabris.

VANTAGGI – Nel secondo parziale cambia la musica, con la sfida che diventa una vera semifinale di Coppa Italia con scambi spettacolari e punteggi ben più equilibrati. Nessuna delle due squadre riesce a scappare ed è Busto a creare il primo strappo sul 16-14 con il muro di Bartsch su De Kruijf. Busto trova il +3 con la diagonale da posto due di Diouf per il 19-16 ed è la neo entrata Nicoletti a cucire lo strappo e trovare il -1. Busto non ci sta e approfittando di un errore di Hill e di un muro di Botezat si porta sul 23-20. L’attaccante americana si riscatta subito e con Fabris realizza il 23-22. Sbaglia Busto ed il finale è tutto di Bricio che con due potenti attacchi da posto 4 chiude il set.

Il terzo parziale ha andamento simile, Busto trova il primo vantaggio trascinata dagli attacchi di Diouf (estremamente ispirata quest’oggi) e di Bartsch, sono sempre loro a trovare il +3 sul 17-14. Dall’altra parte della rete è invece Hill a tenere Conegliano attaccata. Ci pensa poi Gennari a realizzare l’allungo, prima sul 20-16 e poi sul +5 per il 23-18. Sembra fatta e invece una bordata di Fabris e tre attacchi di Hill rimettono tutto in discussione. Si va avanti punto a punto con Busto che non sfrutta due set point, il primo annullato da un muro di Melandri, il secondo da un errore di Bartsch. L’Imoco passa in vantaggio con Fabris prima e Bricio poi. L’ultimo sussulto è di Diouf che pareggia sul 28-28 ma poi sbaglia ed ancora Melandri la ferma a muro per il 30-28 che vale la finale per Conegliano.

L’Imoco potrà difendere il titolo conquistato lo scorso anno, l’Unet si arrende non riuscendo ad essere incisiva nei momenti salienti della partita.

CHIRICHELLA CRISTINA IGOR GORGONZOLA NOVARA - SAUGELLA TEAM MONZA FINAL 4 COPPA ITALIA VOLLEY A1-F 2017-2018 SEMIFINALE BOLOGNA 17-02-2018 FOTO FILIPPO RUBIN / LVF
L’Igor Gorgonzola trascinata dai 35 di Egonu e dai 7 muri di Chirichella supera in cinque set la Saugella Monza

NOVARA (2)-MONZA (6) 3-2 (27-25; 27-29; 20-25; 25-19; 15-13)

NOVARA: Egonu 35, Plak 20, Chirichella 17, Gibbemayer 7, Piccinini 4, Skorupa 1, Sansonna(l); Bonifacio, Enright, Vasilantonaki e Zannoni. N.e: Camera.

MONZA: Ortolani 28, Begic 18, Havelkova 16, Dixon 10, Hancock 4,  Devetag,  Arcangeli(l); Candi 7, Loda, Orthmann. N.e: Balboni, Bonvicini, Rastelli.

STARTING SIX – Per Barbolini scendono in campo SkorupaEgonu sulla diagonale di zona 2, PiccininiPlak schiacciatrici, ChirichellaGibbemayer centrali e Sansonna libero. L’ex Pedullà si schiera in campo con Hancock al palleggio, Ortolani opposta, BegicHavelkova in quattro, DevetagDixon al centro e Arcangeli libero.

EQUILIBRIO – Parte forte l’Igor che si porta sull’8-5 grazie ai muri di Chirichella Plak, Monza si rimette subito in carreggiata con una Begic molto attiva (5 punti nel set) e la sfida va avanti punto a punto. La Saugella ha un primo set point ma non concretizza, quindi sul 25-25 Egonu da due e Plak da quattro portano avanti Novara.

Nel secondo set è Monza ad andare in vantaggio con Dixon molto precisa e Begic che continua a martellare a creare il primo gap sul 10-7. Mentre per Novara è Chirichella a cucire lo strappo con due attacchi e un muro per il 10-12. Il set procede in equilibrio con sorpassi e controsorpassi. Hancock arma la mano pesante di Ortolani che dal 20-20 non sbaglia un colpo, dall’altra parte sono le bordate di Egonu ed i muri di Gibbemayer a tenere l’Igor in carreggiata. Ai vantaggi stavolta sorride Monza che sul 27-27 attacca con Havelkova e vince il set su un attacco out di Egonu.

BREAK – Nel terzo set l’Igor va sul 3-0 ma è un fuoco di paglia, Monza è più attiva e determinata, ricuce subito il gap e va a condurre nuovamente, ancora Begic Havelkova a segno in attacco e al servizio, l’ingresso di Candi porta grossi benefici e Ortolani è un uragano, 9 punti nel set! Plak ed Egonu non bastano quando sul 18-16 l’opposto della Saugella martella con precisione e potenza da posto due per il 21-16. Il set si chiude sull’errore in battuta della banda orange.

Il quarto parziale potrebbe essere quello decisivo e Novara lo approccia meglio andando avanti 6-2 prima e 11-7 poi con gli attacchi poderosi di Egonu (saranno ben 10 i punti per l’opposto azzurro nel set). Monza prova a reagire, ma tre punti consecutivi di Plak tengono le lombarde a distanza. Ortolani Dixon avvicinano le loro sul 17-15 e ancora le due bombardiere di Novara incrementano a cinque i punti di vantaggio. Sul 22-17 è una formalità per Egonu realizzare gli ultimi tre cambi palla e portare l’Igor sul 2-2.

QUINTO – Il parziale decisivo parte con un’Igor determinata a segno a muro con Plak Chirichella per il 4-2. Poi si assiste ad una fase molto tesa del match con errori da una parte e dall’altra, è l’ace di Egonu ad interromperla per l’8-5. Al cambio campo Gibbemayer a muro ed Egonu in attacco realizzano il 10-6, Ortolani non ci sta ed accorcia sull’11-9, a Plak risponde Havelkova per il 12-10, è Chirichella in primo tempo a siglare il +3, con Ortolani ancora incisiva per il 13-11. Egonu attacca in parallela per il 14-11, ma Monza non demorde e con Ortolani da due e l’ace di Begic mette paura alle campionesse d’Italia. Dopo il time out è la solita Egonu che per la trentacinquesima volta questa sera mette a terra un punto, quello che vale il 15-13.

L’Igor torna in finale a distanza di tre anni, mentre Monza viene eliminata con qualche rimpianto, ma le ragazze di Pedullà hanno dimostrato che da qui alla fine dei play-off bisognerà fare i conti anche con loro.

FINALE – Domani al Pala Dozza a partire dalle 20.30 andrà in scena la finalissima tra Conegliano e Novara. In Italia queste due squadre si sono affrontate dodici volte, in otto occasioni hanno avuto la meglio le venete, nelle altre quattro le piemontesi. In Coppa Italia, nei due precedenti, Imoco ed Igor sono 1-1.

Alle 17.30 è in programma la finale di A2 tra Battistelli San Marignano e Lpm Mondovì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *