Sportedelica: lo snow rugby, solo super giocatori

sportedelica snow rugby

Piccola avvertenza, se soffrite il freddo non continuate a leggere, non vorrei avere sulla coscienza raffreddori via etere o brividi così forti da provocare terremoti. Questo è un post dedicato solo ai più duri, a quelli che non si lasciano intimorire dalle gelide temperature invernali. Un post che “casca a fagiolo” vista l’ondata di maltempo che si è abbattuta sull’Italia nelle ultime settimane, con nevicate impreviste sparse qua e là. Ma soprattutto un post che vi farà conoscere una disciplina invernale che potrebbe stuzzicare la vostra curiosità sportiva.

Sto parlando dello Snow Rugby. Vi chiederete… cosa c’entra la neve (snow) con il rugby… c’entra eccome. Se passate da Tarvisio a gennaio (organizzatevi per il prossimo anno) potrete assistere, o partecipare, al torneo di Snow Rugby. Lo sport è quello che conosciamo tutti, ma con qualche piccola modifica: dal numero di giocatori, che sono 5 in campo e 7 in panchina, al tempo con due tempi da 5′ e il tempo per liberarsi dell’ovale in caso di placcaggio ridotto a 2″. Per intendersi è più fratello del Beach Rugby che del rugby classico. Ma soprattutto si gioca su un campo ridotto ricoperto di neve. E il modo di giocare non cambia comprese mischie e placcaggi, peccato che il terreno di gioco sia leggermente più freddo. Ma i più stoici non si lasciano intimorire e si presentano i maniche corte e calzoncini. Uno sport per veri duri… e calorosi…

Per quanto riguarda il torneo di Tarvisio potrete vedere super atleti al maschile e al femminile. Ma ci sono altri tornei in giro per l’Europa e soprattutto un altro in Italia tutto al femminile che si è tenuto nei giorni scorsi a Plan de Corones (Brunico).

Insomma ora non potete dire che non ne sapevate niente. Avete un anno per prepararvi (soprattutto psicologicamente) e buttarvi nella neve per questi straordinari appuntamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *