Mondiale Rally Finlandia – Dominio nordico, Tanak-Lappi-Latvala. Ogier e Neuville non brillano, male M-Sport Ford

AP-215HUD1WS2111_news

Ritorna il mondiale rally dopo la pausa estiva, e lo fa dalle leggendarie strade Finlandesi che da decenni ospitano il campionato del mondo rally e che hanno formato decine, se non centinaia, di “Flying Finns”, gli imbattibili piloti scandinavi.  E anche in questa edizione c’è stato un dominio nordico, ma non tutto scandinavo. A dominare totalmente la gara è stato infatti l’Estone Ott Tanak, che ha portato la sua Toyota Yaris sul gradino più alto del podio, vincendo inoltre sei passaggi cronometrati, inclusa la Powerstage finale e portandosi a casa 30 punti in totale. Una vittoria straordinaria, che fa balzare Tanak in avanti nella classifica mondiale, intensificando il vantaggio rispetto ai diretti inseguitori Ogier e Neuville. Mancano però ancora cinque gare alla fine del mondiale, riuscirà Tanak a mantenere il passo?

AP-214YQ4SSS2111_news

Seconda posizione per l’idolo locale Esapekka Lappi, che coglie un podio a 25,6 secondi dal leader della classifica, vincendo anche due prove speciali. A causa del passaggio difficoltoso in Citroen, la stella di Lappi sembrava essersi offuscata a causa di scarso feeling e difficoltà a trovare il passo con la C3 WRC+. Tornato sulle strade di casa, che lo hanno visto vittorioso nel 2017, ha sfoderato prestazioni veramente d’eccezione, riuscendo a far segnare tempi degni dei primi in classifica.

AP-215HB5E5S2111_news

Chiude il podio Jari-Matti Latvala, che porta la seconda Toyota Yaris sul podio (Sarebbero state tre se Meeke non avesse impattato contro una roccia NDR) e si conferma specialista della gara finnica e delle sue peculiarità. Si porta a casa ben otto prove speciali, più di tutti gli altri, e un punto nella Powerstage finale. Una prestazione degna di nota per il finlandese, che a 34 anni sente la concorrenza dei giovani piloti del mondiale, riuscendo però a tenere il passo e a “combattere” cronometricamente parlando.

AP-215H9JKQN2111_news

Chiudono la top five Andreas Mikkelsen e Sebastièn Ogier, Thierry Neuville chiude sesto (ma con 4 punti in più recuperati nella powerstage) e invece per trovare la prima Ford del team M-Sport bisogna scendere sino alla ottava posizione, con Teemu Suninen. Una prestazione da dimenticare per il team inglese guidato da Malcolm Wilson, che fatica a tenere il passo delle case ufficiali.

AP-215H7UPNS2111_news AP-214JP7BZW2111_news

Cinque gare mancano alla fine di questo mondiale 2019, Tanak sembra essere partito in fuga come il migliore degli scalatori al Giro D’Italia, ma gli avversari non staranno a guardare. Ogier vuole dimostrare di saper vincere anche all’esordio con la vettura nuova e Neuville sta cercando con tutte le forze di capitalizzare tutti i successi e l’impegno di questi anni con una vittoria mondiale che ha sempre sfiorato. Staremo a vedere come andrà, tra 17 giorni, sugli asfalti velocissimi e insidiosi del rally di Germania, dal 22 al 25 Agosto.

Classifica Finale:

1- Ott Tanak (Toyota Yaris) 2h 30’40”.3

2- Esapekka Lappi (Citroen C3) +25″.6

3- Jari-Matti Latvala (Toyota Yaris) +33″.2

4- Andreas Mikkelsen (Hyundai i20) +53″.4

5- Sebastièn Ogier (Citroen C3) +56″.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *