A tutta B: l’arrivo silenzioso del Chievo, il Ciano che torna di moda e B Ready per l’11^

ZITTO ZITTO ARRIVA IL CHIEVO – La coppia là davanti non è durata neppure 3 giorni, visto che alla fine del turno infrasettimanale c’è di nuovo una sola capolista, il Benevento, che, nel posticipo pomeridiano di mercoledì, infligge il primo dispiacere a Baroni da quando è sulla panchina della Cremonese, portando i porto i 3 punti che le servono a staccare nuovamente un Crotone che, invece, martedì, aveva lasciato la posta piena ad un Chievo che, con calma e in silenzio, anche grazie a questo risultato, si è portato a ridosso dei posti che contano, con un terzo posto ad appena 4 punti dalla vetta ed uno solo dalla zona promozione diretta. I veneti, dopo un inizio incerto ed a tratti parso molto confuso, si sono pian piano ritrovati e, con una serie di buoni risultati inanellati nell’ultimo periodo, hanno risalito la china, agganciando, intanto, quell’Empoli che fino a poche settimane fa guardava tutti dall’alto e che, invece, ha messo insieme 3 punti nelle ultime 4 partite, come magro bottino di 3 pareggi consecutivi, l’ultimo dei quali quello casalingo, in rimonta, contro uno Spezia che pare cominciare a trovare un bandolo al proprio gioco e, forse, alla propria stagione. Non si fanno male Ascoli e Perugia, che, al Curi, non vanno oltre l’1-1, permettendo al Cittadella di rientrare su di loro grazie alla vittoria di misura contro il Livorno. Sempre più sorprendente, invece, il Pordenone, che sfata il tabù che lo voleva poco efficace lontano dalla Dacia Arena, portando a casa la prima vittoria n trasferta, ai danni del Venezia, che consente ai neroverdi di agganciare la zona play off, appaiandosi alla Salernitana, che va a perdere in casa di un Pisa che si riscatta dopo la brutta sconfitta nel derby, e all’Entella, che torna alla vittoria sconfiggendo di misura il Cosenza con un gol di Poli (foto di copertina). Interessantissimi movimenti anche in coda: la Juve Stabia dimostra che quella del Picco è stata solo una piccola battuta d’arresto, ottenendo la terza vittoria nelle ultime 4 partite, l’ultima ai danni di un Pescara che torna nuovamente a perdersi dopo l’exploit contro il Benevento; le vespe con questi 3 punti fanno un balzo in avanti, cominciando a mettere un margine tra loro e le ultime 3, tutte sconfitte, ovvero il Cosenza, il Livorno e il Trapani, che da parte sua, perde nettamente lo scontro diretto contro un Frosinone che prende una bella boccata d’ossigeno in una stagione fin qui deludente.

TORNA DI MODA IL CIANO – Qualche movimento interessante anche per la classifica marcatori. In testa, ad esempio, c’è un nuovo capocannoniere solitario, visto che Iemmello, col gol su rigore del pareggio contro l’Ascoli, raggiunge quota 8 e stacca Marconi del Pisa, a secco nelle ultime giornate, che resta a 7, raggiunto anche da Simy, autore dell’ennesima doppietta con cui ha contribuito alla vittoria del Crotone contro il Venezia la scorsa giornata a cui sommare l’inutile gol su rigore nella sconfitta col Chievo. Ai piedi del podio due nuovi arrivi, visto che a Diaw fermo a 5 si affianca Galano, autore del gol del momentaneo vantaggio del Pescara contro la Juve Stabia, oltre al protagonista della nostra vetrina. Fatte, infatti, le doverose menzioni d’onore per Machin del Pescara, autore di una doppietta nel penultimo turno contro il Benvento, Capello, autore di due gol, uno per ciascuna delle ultime due giornate, entrambi inutili a portare punti al Venezia, e Bidaoui, che con un gol contro la Juve Stabia ed uno contro l’Empoli, ha portato 4 punti allo Spezia, la vetrina di questa giornata è, senza ombra di dubbio, da dedicare ad un giocatore ben noto alla Serie B ed anche a questa rubrica, autore della miglior prestazione dell’ultima giornata, vincendo praticamente da solo, con 3 gol, la partita col Trapani, ovvero Ciano del Frosinone. Camillo Ciano è un attaccante classe ’90, nato a Marcianise, in provincia di Caserta, e cresciuto calcisticamente nei settori giovanili di Vernall Marcianise e Napoli. Con i partenopei non gioca mai a livello professionistico, anche se resta di proprietà azzurra fino al 2014, girando l’Italia in prestito: una stagione a Lecco, in Lega Pro, dove segna i suoi primi gol tra i professionisti, 8; una alla Cavese, ancora in Lega Pro (9 gol); le prime due stagioni in B, con la maglia del Crotone (10 gol totali); 6 mesi a Padova, ancora in B (2 gol); 6 mesi ad Avellino (2 reti in 17 partite). A settembre viene acquistato dal Parma, che lo manda in prestito al Crotone, con cui gioca tutta la stagione 14/15, la sua migliore dal punto di vista realizzativo con 17 gol. Con il fallimento dei ducali, passa a titolo definitivo ai calabresi che subito lo cedono al Cesena, con cui gioca due ottime stagioni, confermandosi tra i migliori realizzatori della categoria (27 gol in 2 campionati). Dal 2017 è al Frosinone, con cui si è tolto diverse soddisfazioni: nella prima stagione, con 14 gol in stagione regolare e 2 nei play off, contribuisce alla promozione in A, dove gioca nel successivo, suo primo in massima serie, esordio condito con 7 reti. Rimasto con i ciociari anche in questo campionato, è partito col piede giusto, avendo messo a segno, come detto, fin qui 5 gol, di cui gli ultimi 3 nell’ultimo turno, con cui ha portato 3 punti d’oro alla propria squadra in un momento di difficoltà, in quello che era a tutti gli effetti uno scontro diretto: subito al 1′ della partita interna col Trapani, indirizza la partita stoppando di sinistro un filtrante in area di Paganini e battendo Carnesecchi con un diagonale di destro; al 54′ fa 2-0 ribattendo in rete la respinta del portiere sul rigore battuto da lui stesso; al 64′ chiude i conti con una precisa punizione di sinistro dal limite dell’area che chiude la sua parabola nell’angolino basso alla destra del portiere.

B READY, PER ESSERE PRONTI ALL’11^ GIORNATA – Il ritmo serratissimo della Serie B prosegue con l’11° turno, che parte subito stasera con l’anticipo per proseguire con il consueto format: 5 partite sabato, di cui 4 alle 15 e una alle 18; 3 match domenica, dei quali 2 alle 15 e uno alle 21 ed un posticipo lunedì alle 21. Match da riflettori puntati quello che coinvolgerà la capolista nella sera di domenica, visto che il Benevento sarà impegnato in un interessantissimo scontro diretto contro l’Empoli, che deve darsi una scrollata dopo le ultime 4 partite. Non da meno l’impegno del Crotone, in casa, sabato pomeriggio, quando incontrerà, in uno scontro diretto molto interessante, un Perugia posto appena 2 punti sotto. E con l’alta classifica si apre anche la giornata, stasera, con il Chievo che va a far visita ad uno Spezia di ottimo umore dopo le ultime giornate. Di eventuali passi falsi proveranno ad approfittare anche le altre: l’Ascoli, sabato, attende in casa il Venezia, con i veneti che devono cercare punti per migliorare una classifica sempre più deficitaria, dopo le ultime 2 sconfitte consecutive; il Cittadella, domenica pomeriggio, ospita, invece, il Frosinone, di ottimo umore dopo la bella vittoria di mercoledì; il Pordenone farà saggiare al Trapani ultimo in classifica la propria consistenza tra le mura amiche; infine, Salernitana ed Entella si affronteranno in un interessantissimo scontro diretto. Scontro direttissimo anche per Pescara e Pisa, due squadre che arrivano alla partita di domenica con umori diametralmente opposti, basso per gli abruzzesi sconfitti dopo un’ottima affermazione, alto per i toscani, nuovamente vittoriosi dopo un lungo periodo e, soprattutto, dopo la sconfitta nel derby. E per chiudere con gli scontri diretti, per la parte bassa della classifica si fronteggiano il Livorno, a caccia di riscatto, e la Juve Stabia, che vuol dare continuità allo straordinario periodo di forma. A chiudere il programma, infine, lunedì sera, il Cosenza, bisognoso di punti, che ospita una Cremonese che, con Baroni non ha ancora trovato un’identità precisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *