A tutta B: fuga rallentata e B Ready per la 13^

FUGA RALLENTATA – L’imprevedibilità del campionato cadetto continua a restare uno dei capisaldi di questa categoria: solo una giornata fa si celebrava l’inizio di fuga del Benevento, che avrebbe potuto trarre vantaggio da un ulteriore turno tutto a suo favore, visto l’impegno, sulla carta favorevole, e la contemporaneità di diversi scontri diretti; invece il turno per i giallorossi non si è rivelato così agevole, visto che dalla trasferta di Castellammare gli uomini di Inzaghi sono tornati con un solo punto, frenando bruscamente la propria fuga. Ad approfittarne è il Crotone, che, ad un passo dallo scontro diretto, in uno dei suddetti scontri diretti, travolge l’Ascoli con un netto 3-1, portando a 4 le lunghezze di distanza dalla capolista. Uno scontro diretto costa caro, invece, al Perugia, che lascia il Curi ad un corsaro Cittadella, che, con un inequivocabile 2-0 porta a casa i 3 punti e, con la conquista della terza piazza, ad una lunghezza dai calabresi, dice che la crisi di inizio campionato è lasciata decisamente alle spalle. I grifoni, invece, col passo falso che ha impedito loro di accorciare sulla capolista (partivano da -5, potevano portarsi a -3, ora sono invece a -6), ora si vedono agganciare anche dal Pescara che compie uno dei colpacci della giornata, visto che, nell’ennesimo scontro d’alta classifica, va ad espugnare addirittura il campo dell’Empoli con un 2-1 firmato interamente nel primo tempo. La sconfitta costa carissima ai toscani che, ora, scivolano fuori dalla zona promozione e raggiungono la metà classifica, scavalcati anche da un super Frosinone che batte con un secco 2-0 il Chievo e da uno schiaffo a crisi ed incertezze delle scorse settimane, riportandosi nella zona più vicina ai programmi di inizio stagione. Oltre che per i gialloblu veneti, turno da dimenticare anche per la Salernitana, che domenica pomeriggio lascia le penne sul campo di una Cremonese che, grazie al gol del redivivo Ciofani (foto di copertinacon i 3 punti ( prima gioia per Baroni) ritorna a respirare al di sopra della linea pericolosa, mentre il Pordenone limita i danni nella trasferta di Chiavari, portando a casa un pareggio (anche se erano stati proprio i neroverdi a portarsi in vantaggio) che le consente comunque di mantenere una buona posizione in zona play off. Derby pirotecnico, secondo la miglior tradizione, quello tra Pisa e Spezia, con un’altalena di emozioni ed una messe di gol, visto che al vantaggio pisano risponde una doppietta di Ragusa, che sembra indirizzare i 3 punti verso il Golfo, salvo un ulteriore ribaltone dei nerazzurri negli ultimi 10′ che vale i 3 punti ai toscani, che tornano a rivedere la luce dopo settimane di tribolazioni ed una classifica pericolosa, e lascia a becco asciutto gli aquilotti, che rimangono in zona retrocessione, raggiunti anche dal Cosenza, che non va, comunque oltre il pareggio in un’altra partita ricca di gol, emozioni, e ribaltamenti di fronte, ovvero il 2-2 dello scontro diretto con il Trapani che resta ultimo. Magra consolazione per gli isolani l’avvicinarsi del penultimo posto occupato dal Livorno, reduce da una pesante sconfitta in una Venezia pre acqua alta, che acuisce la crisi dei labronici e spinge i lagunari a metà classifica.

B READY, PER ESSERE PRONTO ALLA 13^ GIORNATA – Archiviata l’ennesima sosta stagionale per le Nazionali, che, da ormai 2 anni, coinvolge anche la B, si riparte di slancio per la volata che porterà alle feste natalizie e alla fine del girone d’andata. Format consueto: un anticipo venerdì alle 21; 5 partite sabato, di cui 4 alle 15 e una alle 18; 3 match domenica, dei quali 2 alle 15 e uno alle 21 e un posticipo lunedì alle 21. Big match sabato pomeriggio, quando a scontrarsi saranno le prime della classe, Benevento e Crotone, separate da 4 punti, in casa della capolista campana. I rossoblu saranno anche nel mirino di altre 4 squadre che, in caso di sconfitta dei calabresi, cercheranno l’aggancio al secondo posto: il Cittadella impegnato nella sfida casalinga di domenica pomeriggio contro un Pisa di ottimo umore dopo il risultato nel derby; il Pescara, impegnato nell’anticipo di venerdì al Curi contro una Cremonese ritrovata; Pordenone e Perugia che si affronteranno in un appassionante scontro diretto nella roccaforte inespugnabile dei neroverdi. Solo per un eventuale aggancio Chievo e Salernitana: i veneti chiuderanno il programma lunedì sera ospitando l’Entella, mentre i campani sabato pomeriggio saranno impegnati nel derby regionale con la Juve Stabia, alla caccia di punti salvezza. Due delle maggiori deluse dell’ultimo turno provano a ripartire da un turno casalingo: l’Empoli sabato sera attende un Venezia di ottimo umore, mentre domenica pomeriggio l’Ascoli affronta al Del Duca il Cosenza. Alle 21 di domenica, al Picco, lo Spezia prova a dimenticare gli errori del derby ospitando un Frosinone tornato a volare alto, che proverà l’aggancio ai play off. Nell’ultima partita del programma, infine, scontro diretto anche agli antipodi della classifica tra penultima, il Livorno, e l’ultima, il Trapani, separate da soli 3 punti, al Picchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *